Gioia e Ginevra: la vittoria alla gara di pattinaggio poi il terribile incidente

Erano cugine le due giovanissime vittime dell'incidente avvenuto ieri sulla A22, sorelle gemelle le madri. Stavano tornando in Piemonte dopo una gara di pattinaggio a Merano, dove Gioia aveva conquistato il primo premio

Erano cugine, ed entrambe pattinatrici, Gioia e Ginevra, 9 e 17 anni, due gioveni vite spezzate nel tragico incidente di ieri sull'Autostrada del Brennero che ha sconvolto una famiglia piemontese. Le madri, sorelle gemelle, sono ricoverate all'ospedale, una in condizioni  molto gravi, l'altra fortunatamente fuori pericolo.

Stavano tornando a casa dopo una gara di pattinaggio svoltasi a Merano, nel corso della quale Gioia Casciani, la più piccola delle due ragazzine, aveva conquistato il primo premio nella sua categoria. Durante il viaggio di ritorno l'auto sulla quale viaggiavano le quattro ha tamponato un camion, finendo incastrata sotto il mezzo. 

Le due ragazzine, che viaggiavano sui sedili posteriori, sono morte sul colpo. Le due donne sono state estratte dalle lamiere, la più grave trasportata in ospedale d'urgenza con l'elicottero. Ancora da chiarire l'esatta dinamica dell'incidente, si pensa ad un malore o ad una fatale distrazione, visto che in quel momento non erano presenti situazioni di criticità alla viabilità. Leggi la notizia su TorinoToday.it, clicca qui...

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

Notizie di oggi

  • Cronaca

    Valdastico: Fugatti e Zaia a Roma, accordo per lo sbocco a Rovereto sud

  • Cronaca

    Vento forte: decine di interventi dei Vigili del Fuoco

  • Politica

    Convegno contestato, Fugatti: "Forzate due porte a vetri". Scatta la denuncia

  • Cronaca

    Importano auto di lusso senza pagare l'Iva, tra gli acquirenti anche 34 trentini

I più letti della settimana

  • Giornata Mondiale della Sindrome di Down: ecco cosa significano i "calzini spaiati"

  • Tragedia a Vezzano: muore investito dal suo camion

  • Vento forte in arrivo: il messaggio della Protezione Civile

  • A Trento quasi una famiglia su due è composta da una sola persona

  • Sbranò un bimbo, ora è stata rieducata e adottata: una seconda vita per Asia

  • Medico opera la moglie senza autorizzazione: condannato per falso

Torna su
TrentoToday è in caricamento