Incidente mortale a Zambana, l'appello dei Vigili del Fuoco: "Non lasciate l'auto, non fate inversione"

Problemi nell'intervento dei soccorsi a causa di automobilisti indisciplinati, ecco il messaggio dei Vigili del Fuoco

Non lasciate l'auto, non fate inversione, lasciate un corridoio centrale per i mezzi di soccorso. Le indicazioni dei Vigili del Fuoco di Mezzolombardo arrivano all'indomani dell'incidente, purtroppo mortale, verificatosi sulla superstrada tra la Piana Rotaliana e Trento. Una strada ad alto scorrimento ma non dotata di corsia d'emergenza. Un intervento non facile per i mezzi di soccorso, dato che la strada era già parecchio affollata dai turisti in rientro dopo un weekend in montagna.

"Ricordiamo che è buona norma sulle strade non dotate di corsia di emergenza, in caso ci si trovi in colonna per un incidente, cercare di creare un corridoio centrale per il passaggio dei mezzi di emergenza ed evitare di fare inversioni ad U mentre stanno giungendo sul posto" ricordano i Vigili del Fuoco, dopo i problemi riscontrati ieri.

"Inoltre, nel caso l'incidente avvenga di fronte a voi, è bene non avvicinarsi troppo con le auto e lasciare un adeguato spazio tra voi e i veicoli coinvolti per permettere l'arrivo ed il posizionamento dei mezzi d'emergenza e, come nel caso di ieri, l'atterraggio dell'elicottero - prosegue la nota - Si sconsiglia anche di lasciare le auto incustodite e di passeggiare sulla carreggiata in quanto ci si mette in pericolo rischiando di finire investiti proprio dai mezzi di soccorso che hanno già molte cose a cui pensare".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Accoltellato alla gola dal fratello per strada a Borgo Valsugana: trasportato in ospedale

  • Camionista trovato senza vita nella sua cabina: era morto da tre giorni

  • Incidente a Besenello: tre feriti e traffico impazzito

  • Allerta maltempo: ecco le strade chiuse

  • Auto sfiorata dalla valanga, maestro di sci salvo: pubblica le foto su Facebook

  • Trento di nuovo prima per qualità della vita

Torna su
TrentoToday è in caricamento