Auto in fiamme, Berti non ce l'ha fatta

Troppo gravi le ustioni riportate nel terribile scontro avvenuto a Panchià il 5 settembre. L'auto dell'imprenditore trentino si era scontrata con un motociclista tedesco, che aveva perso la vita sul colpo

A due settimane dal terribile incidente lungo la strada della Val di Fiemme il cuore di Andrea Berti ha smesso di battere. Troppo gravi le ustioni riportate nel terribile scontro avvenuto a Panchià. L'auto dell'imprenditore trentino si era scontrata con un motociclista tedesco, che aveva perso la vita sul colpo.

Il mezzo di Berti, così come la moto del centauro hanno preso fuoco, schiantandosi a bordo strada. Inutile, purtroppo, l'intervento dell'elisoccorso levatosi in volo da Trento.

Andrea Berti era stato immediatamente ricoverato presso l'ospedale di Genova, specializzato nella cura delle ustioni gravi. Il 43enne, imprenditore del legno, viveva a Cavalese: lascia due figli piccoli.

Potrebbe interessarti

  • Valsugana: deviazione fino ad autunno 2019 al viadotto dei Crozi

  • Controlli dei carabinieri: 76 motociclisti multati in una giornata

  • Orso M49, Fugatti firma una nuova ordinanza: "Sì all'abbattimento in caso di grave pericolo"

  • Pasubio: finalmente riaperta la Strada delle 52 gallerie

I più letti della settimana

  • Scomparso nel lago, ritorna all'albergo dopo tre giorni: ecco la storia di Maik

  • Valsugana: deviazione fino ad autunno 2019 al viadotto dei Crozi

  • Tragedia sulla Affi-Peschiera: auto travolge tre ragazzi, due perdono la vita

  • Orso M49: la Provincia pubblica, cinque giorni dopo, il video della cattura

  • In montagna senza smartphone: il rifugio è gratis

  • Si tuffa nel lago e sviene: è la "sincope da immersione", recuperato dai Vigili del Fuoco a nuoto

Torna su
TrentoToday è in caricamento