Vallo Tomo: indagati per l'incursione in Comune contro il sindaco di Mori

Sono una decina le persone identificate e dunque indagate. Tre i reati contestati: occupazione abusiva di immobile, interruzione di pubblico servizio e violenza privata nei confronti del sindaco di Mori Barozzi

A quattro mesi e mezzo dalle proteste di un gruppo di manifestanti in Comune a Mori, la Procura di Rovereto ha chiuso le indagini. Sono una decina le persone identificate e dunque indagate. Tre i reati contestati: occupazione abusiva di immobile, interruzione di pubblico servizio e violenza privata nei confronti del sindaco Barozzi. 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Ora la procura avrà 20 giorni di tempo per chiedere il  rinvio a giudizio degli indagati o l'archiviazione. Ma l'attività giudiziaria che interessa le proteste contro il Vallo tomo non finisce qui. Sei, infatti, sono gli indagati, anche in questo caso per interruzione di pubblico servizio, per la protesta che interruppe il consiglio comunale di Mori, con gli attivisti che sparsero per l'aula la terra delle fratte interessate dai lavori per il Vallo tomo.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Supermercati: vietato scegliere quello più conveniente, spesa solo vicino a casa

  • A casa nel paesino per il coronavirus fa arrivare una escort in taxi da Trento: donna multata

  • Coronavirus, Fugatti: "No ad arrivi nelle seconde case. Chiesti controlli pesanti"

  • "Due mascherine per ogni trentino", ma non si sa ancora come: precedenza ai 5 comuni "blindati"

  • Contagi stabili, positivo un tampone su 10. Mascherine: "Ci vuole tempo perchè le sigilliamo"

  • Coronavirus, fermato dai vigili dopo che è al parco da un'ora: "È che ho perso una cosa"

Torna su
TrentoToday è in caricamento