Terzo incendio doloso a Vetriolo, la scorsa volta era stato identificato un piromane

Terzo rogo tra gli alberi distrutti dalla tempesta Vaia, da inizio mese. Principale sospettato un uomo, già segnalato per altri due incendi in zona

Potrebbe esserci la stessa mano dell'uomo già denunciato per i due roghi dei giorni scorsi dietro al terzo caso di incendio doloso nei boschi di Vetriolo. A dare l'allarme, nel primo pomeriggio di martedì 20 agosto, sono stati i boscaioli che lavorano alla raccolta degli alberi abbattuti dalla tempesta Vaia. Le fiamme sono state rapidamente domate dai Vigili del Fuoco che, insieme alla Forestale, hanno svolto accertamenti sul luogo dell'incendio per tentare di capirne le cause. Sembra che poco distante sia stato ritrovato un rudimentale innesco. 

In seguito all'episodio, identico, del 10 agosto scorso la Forestale aveva trovato non lontana dal luogo del rogo un'auto con all'interno materiale altamente infiammabile. Dopo aver identificato il proprietario dell'auto i forestali avevano anche perquisito la sua abitazione ritrovando, tra le altre cose, fucili non dichiarati ed un lacrimogeno. L'uomo era stato denunciato anche per detenzione abusiva d'armi, oltre che essere segnalato come principale sospettato dei due incendi in zona. Ai quali ora si aggiunge questo terzo episodio.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Si schianta con gli sci a Madonna di Campiglio: non ce l'ha fatta Cristina Cesari

  • Campiglio, drammatico incidente sugli sci: gravissima una ragazza di 25 anni

  • Fermato perché ha i pedali rotti, in auto nasconde 400mila euro di coca: arrestato

  • Malessere collettivo a Folgarida: il virus potrebbe essere stato portato dagli studenti

  • Malore collettivo per altri due gruppi di studenti nell'hotel di Folgarida

  • Camion si incastra alla Pontara, strada bloccata

Torna su
TrentoToday è in caricamento