Allarme incendio nel parcheggio, i carabinieri: "Forse doloso"

Rogo all'interno del parcheggio interrato Bellesini, dove nei giorni scorsi sono dovuti intervenire i vigili del fuoco

All'origine dell'incendio divampato nella serata di domenica 6 ottobre nel parcheggio Bellesini di Borgo Valsugana potrebbe esserci la bravata di alcuni giovanissimi. A riferirlo i carabinieri della cittadina, intervenuti sul posto insieme ai pompieri. 

Il rogo, scoppiato nel garage vicino al nuovo oratorio, era stato tempestivamente domato dai vigili del fuoco di Borgo, intervenuti tempestivamente dopo che alcuni passanti avvertendo fumo e un odore acre avevano lanciato l'allarme. A bruciare è stato soltanto un tavolino ma le fiamme si sarebbero potute estendere agli altri oggetti combustibili presenti negli stalli, che fortunatamente sono stati allontanati dai pompieri. 

I militari, che hanno visionato le immagini delle telecamere di videosorveglianza, ipotizzano che l'incendio possa essere stato appiccato intenzionalmente da alcuni ragazzini, la cui presenza è stata segnalata anche da alcuni testimoni. Solo grazie all'intervento dei mezzi dei pompieri l'incendio è stato prontamento circoscritto e poi domato, scongiurando conseguenze ben più gravi.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus: casi in diminuzione da 3 giorni. "Se i numeri saranno confermati siamo in discesa"

  • Coronavirus, ecco la mappa dei contagi in Trentino: Canazei la più colpita in proporzione

  • Il dramma: muore di coronavirus 11 giorni dopo la moglie

  • Uomo fermato fuori casa: "Ero in ospedale, mi è nata una figlia". Ma non è vero

  • Mascherine "made in Trentino": 10 aziende riconvertite, analisi dei tamponi grazie all'Università

  • "Io resto a casa": ecco la classifica delle regioni grazie allo studio delle "storie" su Instagram

Torna su
TrentoToday è in caricamento