Guardone al cimitero: importunava le vecchiette chiedendo pose erotiche

Faceva richieste al limite della decenza ma, quando si è visto alle strette e riconosciuto, ha perso la testa ed ha finito per minacciarla ed impedirle di avvertire le forze dell'ordine della sua presenza

In zona era etichettato da molti come il "guardone dei cimiteri": il personaggio, noto in paese, ormai da qualche anno, usando l'accortezza di muoversi solo di tanto in tanto, importunava donne di ogni età (con una certa, quanto bizzarra predilezione per quelle più mature) presso i camposanti della Val di Sole. Ebbene, cotanto soggetto è stato finalmente identificato dai carabinieri della Stazione di Malè e denunciato per violenza privata e minaccia. Questa volta F.F., quarantacinquenne residente a Sondrio, l'ha fatta più grossa del solito. Non si è limitato ad inquietare la donna che avevo preso di mira (neanche per la prima volta, in verità) con richieste al limite della decenza ma, quando si è visto alle strette e riconosciuto, ha perso la testa ed ha finito per minacciarla ed impedirle di avvertire le forze dell'ordine della sua presenza.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Quell'uomo con una macchina fotografica a tracolla nei pressi del cimitero di Malè non è in quel momento passato inosservato ad una pattuglia di carabinieri. I militari di Malè, ritenendo di potersi trovare di fronte al tormentatore seriale in cui molte anziane si erano imbattute sentendosi invitate, schiettamente ma pure con una certa insolenza, a posare in posizioni erotiche e provocanti presso cimiteri o chiese, hanno finito per chiedergli un documento d'identità. In quello stesso momento l'ultima delle sue vittime si è fatta avanti ed ha riferito agli uomini dell'Arma che cosa il maniaco le avesse proposto. F.F. è stato denunciato a piede libero alla Procura della Repubblica di Trento e, contestualmente, è stato proposto un provvedimento di divieto di ritorno nel Comune solandro. Per quanto non sempre la condotta posta in essere dal quarantenne abbia violato norme del codice penale, i carabinieri stanno raccogliendo le testimonianze di quanti si sono imbattuti in lui per poter stabilire con puntualità se, altre volte, con il suo modo di fare, egli abbia valicato il limite. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Ecco i divieti che rimangono anche dopo il 3 giugno

  • Bambino rischia il soffocamento per una ciliegia, la madre conosce la manovra e lo salva

  • Asili nido e materne in Trentino riaprono l'8 giugno: la decisione della Giunta

  • Ladro perde il mazzo di chiavi: i carabinieri aprono la porta di casa e lo denunciano

  • Incidente in A22, tamponamento tra due camion: soccorsi sul posto e traffico in tilt

  • Incidente mortale a Bedollo: morto a 21 anni Tommaso Mattivi

Torna su
TrentoToday è in caricamento