Guardia medica non si presenta al lavoro: denunciato per interruzione di servizio

Conseguenze non solo lavorative per la Guardia medica di Primiero: il dottore è stato denunciato dai Carabinieri

Non presentarsi al lavoro potrebbe costare caro al medico, denunciato dai Caravbinieri del Primiero, per interruzione di pubblico servizio. Il medico in questione ricopre infatti il ruolo di Guardia medica. Il fsatto risale ad una notte di marzo: alcuni pazienti si sono presentati alla porta dell'ambulatorio per un'emergenza. Dopo aver inutilmente suonato il campanello, senza ottenere risposta, sono riusciti ad attirare l'attenzione di alcune infermiere del turno di notte che li hanno accolti al Pronto Soccorso.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Accertato che la Guardia medica fosse assente le infermiere, su direttiva della Centrale operativa di Trentino Emergenza hanno affisso un cartello che invitava l'utenza a rivolgersi al Pronto Soccorso o direttamente al 118. Una vicenda che ha però attirato anche l'attenzione dei Carabinieri i quali, svolti gli opportuni approfondimenti, hanno denunciato la Guardia medica latitante per il reato di interruzione di pubblico servizio.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Ecco i divieti che rimangono anche dopo il 3 giugno

  • Bambino rischia il soffocamento per una ciliegia, la madre conosce la manovra e lo salva

  • Asili nido e materne in Trentino riaprono l'8 giugno: la decisione della Giunta

  • Ladro perde il mazzo di chiavi: i carabinieri aprono la porta di casa e lo denunciano

  • Incidente in A22, tamponamento tra due camion: soccorsi sul posto e traffico in tilt

  • Aquila uccisa nel suo nido, muoiono anche i piccoli: chiesta un'indagine

Torna su
TrentoToday è in caricamento