Crede di averlo investito ma il micio è incastrato sotto l'auto: liberato dai Vigili del Fuoco

L'automobilista si è immediatamente fermato credendo di aver investito il piccolo gattino, che nel frattempo si era rifugiato nel semiasse dell'auto

Il gattino salvato dai VVFF di Riva

Credeva di averlo investito, ma lui era vivo e vegeto, nascosto nel semiasse dell'auto. Possiamo solo immaginare la sorpresa dell'automobilista che, fermatosi credendo di aver investito un gattino che attraversava la strada, ha sentito il flebile miagolio provenire da sotto l'auto. 

Tutto sembrava essersi risolto per il meglio, ma in realtà il lieto fine di questa storia necessitava di un altro, delicato, passaggio. Il gattino infatti era finito in un punto difficile da raggiungere.

Il fatto è evvenuto a Riva  del Garda nei giorni scorsi. La foto, postata su profilo facebook dei Vigili del Fuoco, fa bella mostra di se tra quelle dei tanti interventi dei volontari rivani. 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

L'automobilista ha quindi chiamato i Vigili del Fuoco, intervenuti con un mezzo polisoccorso. I volontari di Riva del Garda sono riusciti a liberarlo solamente attraverso un complesso intervento. La foto, postata su facebook, è il lieto fine di questa vicenda. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Trentino prima regione che si "libererà" dal virus. Bordon: "Studio ipotetico, preoccupati dall'onda lunga"

  • A casa nel paesino per il coronavirus fa arrivare una escort in taxi da Trento: donna multata

  • Morto dopo essere guarito dal coronavirus: il caso di Lucjan, 28enne della Val di Fassa

  • Coronavirus, fermato dai vigili dopo che è al parco da un'ora: "È che ho perso una cosa"

  • Mattia, 29 anni, ricoverato a Rovereto: "Manca il fiato, è come andare sott'acqua"

  • Contagi e decessi stabili, Fugatti: "I trentini mi hanno deluso, escono e non rispettano le regole"

Torna su
TrentoToday è in caricamento