Dal Cile all'Italia per turismo: arrestati per tentato furto in una villa

I carabinieri, che hanno svolto le indagini, hanno individuato anche un 28 enne di Benevento che è accusato di aver fatto giungere in zona i due cileni e di aver fornito loro le indicazioni

Due persone sono finite in carcere e ad una terza persona è stato imposto il divieto di dimora nella provincia di Trento a seguito di un colpo in villa fallito nelle Giudicarie, a Stenico. Nei guai sono finiti due cittadini cileni, entrambi ventisettenni, ufficialmente giunti in Italia verso la fine del mese di giugno per motivi di turismo. I carabinieri, che hanno svolto le indagini, hanno individuato anche un 28 enne di Benevento che è accusato di aver fatto giungere in zona i due cileni e di aver fornito loro le indicazioni riguardo l’obiettivo da colpire.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Tutto ha avuto inizio nei primi giorni di luglio, quando una coppia di Stenico, rientrata a casa dopo una breve periodo di ferie, aveva constatato che qualcuno si era arrampoicato fino al secondo piano della loro villa tentando di entare attraverso una finestra, ma senza riuscirci. Nell’ambito della stessa indagine i carabinieri di Ponte Arche hanno inoltre fatto luce su un altro furto in villa, commesso nei giorni successivi in Vallagarina, messo a segno utilizzando una piccola utilitaria risultata rubata nel veronese. L’autovettura utilizzata e la refurtiva asportata, il cui valore risulta complessivamente ammontare a 3000 euro, risultano essere state recuperate dagli stessi carabinieri e già restituite agli aventi diritto.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Trentino prima regione che si "libererà" dal virus. Bordon: "Studio ipotetico, preoccupati dall'onda lunga"

  • A casa nel paesino per il coronavirus fa arrivare una escort in taxi da Trento: donna multata

  • Morto dopo essere guarito dal coronavirus: il caso di Lucjan, 28enne della Val di Fassa

  • Coronavirus, fermato dai vigili dopo che è al parco da un'ora: "È che ho perso una cosa"

  • Mattia, 29 anni, ricoverato a Rovereto: "Manca il fiato, è come andare sott'acqua"

  • Contagi e decessi stabili, Fugatti: "I trentini mi hanno deluso, escono e non rispettano le regole"

Torna su
TrentoToday è in caricamento