Rubano un estintore: non è semplice vandalismo, ecco di cosa sono accusati due ragazzi

Due ragazzi denunciati per aver rubato gli estintori da un'area sosta. L'ipotesi di reato è "rimozione di cautele per gli infortuni sul lavoro"

foto. flickr

Un gesto vandalico, ma non solo: la "bravata" di due ragazzi del Primiero avrebbe potuto mettere in pericolo altre persone. Tra i reati ipotizzati c'è quello di "rimozione di cautele contro gli infortuni sul lavoro". I due sarebbero infatti entrati in un'area sosta camper ed avrebbero rubato due estintori, mandando in frantumi la vetrina che li contiene, per poi spruzzarne il contenuto sulle auto parcheggiate in zona. 

A distanza di un mese sono stati identificati e denunciati. Fondamentali per le indagini le immagini di videosorveglianza dell'area sosta. Sono in corso ulteriori accertamenti per verificare il coinvolgimento di una terza persoa.

Rubare un estintore, dunque, non è come rubare un altro oggetto, e dannneggiarlo non è come danneggiare qualche altra cosa. Un estintore ha una funzione specifica, e serve a togliere dal pericolo altre persone. RFubarlo o danneggiarlo significa creare  un potenziale pericolo. Questo a fatto scattare il reato specifico, oltre a quelli di furto e danneggiamenti, quando i due sono stati deferiti alla Procura della Repubblica di Trento.

Potrebbe interessarti

  • Enorme masso cade sulla strada del passo Gavia: foto impressionanti

  • Brenta: chiuse le ferrate Detassis e Bocchette Centrali

  • Spettacolare protesta degli Schuetzen: coprono 600 cartelli tedeschi

  • Jovanotti a Plan De Corones, la Provincia vieta di andarci a piedi o in bici

I più letti della settimana

  • Motociclista perde la vita al passo Tonale

  • Enorme masso cade sulla strada del passo Gavia: foto impressionanti

  • Jovanotti arriva a Plan De Corones: "Il concerto deve finire alle 20.30, venite presto"

  • Fermati con 33 chili di funghi nell'auto: multa da 1.000 euro per quattro turisti

  • Orso: dopo le api questa volta la vittima è una mucca, uccisa a passo Oclini

  • Prende a martellate marito e figlia poi telefona alla Polizia: "Li ho uccisi io"

Torna su
TrentoToday è in caricamento