Rubano i cavi di rame dalla ferrovia a Trento Nord: arrestati dai carabinieri

La notte tra venerdì e sabato durante un controllo lungo via Maccani i carabinieri hanno fermato un veicolo ritenuto sospetto: all'interno un ingente quantitativo di cavi di rame e di attrezzi atti da taglio

Intensa notte di controlli, quella tra venerdì e sabato, per i carabinieri della Compagnia di Trento che hanno arrestato quattro persone. Un uomo di 58 anni, italiano, è stato fermato dopo aver rubato vari prodotti alimentari per un totale di circa 170 euro all’interno di un noto supermercato cittadino ed averli nascosti all’interno di un borsone. L'uomo ha tentato di guadagnare l'uscita dal negozio senza pagare, ma è stato raggiunto e fermato per il reato di furto aggravato. I successivi accertamenti hanno permesso inoltre di verificare che sul 58enne pendeva un ordine di carcerazione emesso dal Tribunale di Trento per un analogo analogo reato commesso nel 2016.

Sempre la notte tra venerdì e sabato durante un controllo lungo via Maccani i carabinieri hanno fermato un veicolo ritenuto sospetto. A bordo c'erano tre persone di nazionalità rumena e moldava, rispettivamente di 33, 27 e 20 anni. All’interno dell’auto i carabinieri hanno trovato un ingente quantitativo di cavi di rame e di attrezzi atti da taglio. Gli immediati accertamenti hanno così permesso di appurare la provenienza dei cavi, che erano stati infatti strappati lungo la linea ferroviaria che lambisce Trento Nord. I tre sono stati arrestati.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Accoltellato alla gola dal fratello per strada a Borgo Valsugana: trasportato in ospedale

  • Lingotti d'oro, sala cinema in casa e poster de 'Il padrino': arrestato 'Pablo Escobar trentino'

  • Spormaggiore, 31enne colpito alla testa da un tombino al passaggio di un'auto: grave

  • Camionista trovato senza vita nella sua cabina: era morto da tre giorni

  • Previsioni del tempo, neve in arrivo anche a bassa quota

  • Il 'gambero killer' americano trovato in Trentino

Torna su
TrentoToday è in caricamento