Fermato un furgone con 450 kg di rifiuti condominiali

Rifiuti indifferenziati che gli operatori non hanno, chiaramente, raccolto. L'amministratore ha quindi deciso di rivolgersi ad un soggetto non autorizzato: 6500 euro di multa a ciascuno

Il furgone fermato con 450 kg di rifiuti

Quasi mezza tonnellata di rifiuti da smaltire chissà dove, sicuramente in maniera illecita. E' quanto hanno scoperto gli agenti della Polizia Locale fermando un furgone nelle vie della città. Aprendo il  portellone gli agenti si sono trovati di fronte a qualche decina di sacchi neri, pieni di  rifiuti solidi urbani.

Dalle indagini è emerso che l'autista del mezzo era stato contattato da un amministratore condominiale per caricare e "smaltire", in cambbio di alcune centinaia di euro, i rifiuti dell'isola ecologica condominiale. Si tratta chiaramente di un illecito, visto che l'autista non è assolutamente un soggetto autorizzato e non risulta iscritto nell'apposito Albo.  

Oltre al proprietario del furgone, e ad un'alltra  persona che aveva "collaborato" alla raccolta illecita, è stato multato anche l'amministratore di condominio: 6500 euro ciascuno. Il furgone è stato sottoposto a fermo amministrativo di un anno. 

Potrebbe interessarti

  • Troppi incidenti in moto: in arrivo i 60 km/h sui passi dolomitici

  • A 140 all'ora in montagna, posta il video: riconosciuto da un riflesso sul parabrezza

  • Notte Bianca: rimozione forzata in tutto il centro, 28 locali allargano lo spazio esterno

  • Temporali estivi, il Soccorso Alpino: "Attenzione al brusco calo delle temperature"

I più letti della settimana

  • A 140 all'ora in montagna, posta il video: riconosciuto da un riflesso sul parabrezza

  • A22: camion contro auto della Polizia, agente estratto dalle lamiere

  • Cade nel torrente, lo ritrovano alla diga

  • Incidente, si schianta frontalmente con un camion e ci finisce sotto: morto motociclista

  • Incidente frontale, auto invade la corsia opposta e si schianta contro un camion: trentino ferito

  • Motociclista morto sulla strada del lago di Garda

Torna su
TrentoToday è in caricamento