Frana sulla SP4 , San Romedio raggiungibile solo a piedi

Una scarica di sassi è finita sulla strada che collega il parcheggio al santuario che nei prossimi giorni sarà raggiungibile solo a piedi dal sentiero per Tavon. Per tutta la giornata i vigili del fuoco di Sanzeno hanno effettuato servizio-navetta verso l'eremo

Il santuario San Romedio da ieri è isolato, raggiungibile solo a piedi a causa di una scarica di sassi sulla Provinciale 4 che collega il parcheggio all'eremo. I massi sono finiti a terra poco lontano dal parcheggio. Non ci sono stati danni a persone e cose.

La strada è stata chiusa temporaneamente con i vigili del fuoco volontari che hanno regolato il passaggio per garantire la sicurezza accompagnando le persone che dovevano lasciare la zona al termine della loro visita in modo che potessero attraversare l'area interessata dallo smottamento in sicurezza.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

La situazione è destinata a durare anche per i prossimi giorni, quando rocciatori di ditte specializzate si occuperanno della completa opera di disgaggio della zona per permettere a tutti di poter tornare a fruirne in piena sicurezza.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Ecco i divieti che rimangono anche dopo il 3 giugno

  • Aumentano i contagi, 3 decessi. Fugatti: "Riapriremo gli asili l'8 giugno"

  • Asili nido e materne in Trentino riaprono l'8 giugno: la decisione della Giunta

  • Bambino rischia il soffocamento per una ciliegia, la madre conosce la manovra e lo salva

  • Ladro perde il mazzo di chiavi: i carabinieri aprono la porta di casa e lo denunciano

  • Incidente in A22, tamponamento tra due camion: soccorsi sul posto e traffico in tilt

Torna su
TrentoToday è in caricamento