Piccola frana sul Chegul, situazione sotto controllo

Il Servizio Geologico della Provincia: "Situazione nota, non risultano coinvolti sentieri o strade"

Una frana di circa 2000 metri cubi staccatasi dal versante ovest del Chegul, la montagna che sovrasta Povo, è stata oggetto di accertamenti nei giorni scorsi da parte del Servizio Geologico della Provincia. Il sentiero attrezzato Bertotti, a circa 200-300  metri in linea d'aria dalla zona coinvolta, rimane aperto.

Il boato è stato udito anche in paese, ed in molti si sono domandati se vi siano stati danni e se vi sia ancora  pericolo. "Non è stata evidenziata alcuna situazione di pericolo e non ci sono stati danni - spiega il Servizio - il geologo reperibile ha effettuato due sopralluoghi in elicottero e non risulta coinvolta la sentieristica locale, solamente un punto di osservazione per la caccia". 

L'evento si è verificato nel pomeriggio di mercoledì scorso, si trattato di un distacco misto, di rocce e detriti, scivolato a valle per qualche centinaio di  metri: "il fenomeno è noto e rientra in una casistica locale, nella zona del Chegul ci sono diverse aree soggette a fenomeni franosi, anche se probabilmente c'è qualche movimento più profondo da tenere controllato".

Potrebbe interessarti

  • Enorme masso cade sulla strada del passo Gavia: foto impressionanti

  • Jovanotti a Plan De Corones, la Provincia vieta di andarci a piedi o in bici

  • Brenta: chiuse le ferrate Detassis e Bocchette Centrali

  • A22 da "bollino nero": code da Bressanone ad Affi

I più letti della settimana

  • Jovanotti arriva a Plan De Corones: "Il concerto deve finire alle 20.30, venite presto"

  • Enorme masso cade sulla strada del passo Gavia: foto impressionanti

  • Jovanotti a Plan De Corones: la pioggia non ferma la festa

  • Fermati con 33 chili di funghi nell'auto: multa da 1.000 euro per quattro turisti

  • Jovanotti a Plan De Corones, la Provincia vieta di andarci a piedi o in bici

  • Prende a martellate marito e figlia poi telefona alla Polizia: "Li ho uccisi io"

Torna su
TrentoToday è in caricamento