L'Aquila di San Venceslao a Foti e Martini, vittime della bomba alla stazione di Trento nel 1967

A cinquant'anni esatti di distanza dall'attacco terroristico, tutt'ora impunito, la massima onorificenza ai due agenti che con il loro sacrificio evitarono la strage

Un riconoscimento alla memoria di due servitori dello Stato, morti a Trento nel compimento del dovere. L'Aquila di San Venceslao, massima onorificenza della Provincia di Trento, sarà attribuita alla memoria di Filippo Foti ed Edoardo Martini, agenti della polizia ferroviaria morti durante un attacco terroristico alla stazione di Trento 50 anni fa L'attentato fu attribuito ai movimenti separatisti sudtirolesi, ma si tratta ancora  oggi solo di un ipotesi ed i responsabili sono ancora ignoti.

Alle 14.15 del 30 settembre 1967 il treno Alpen Express, proveniente da Innsbruck, è fermo alla stazione di Trento. Da Bolzano una telefonata ha avvertito il personale di polizia in forze alla stazione della presenza di una valigetta sospetta a bordo. L'allarme è partito da due viagggiatrici, che hanno notato un giovanotto biondo lasciare la valigia nella reticella prima di scendere al Brennero. Il brigadiere Filippo Foti e l'agente Edoardo Martini, del Corpo delle Guardie di Pubblica Sicurezza, come si chiamava allora la Polizia  di Stato, salgono a bordo per prelevare la valigia. Riescono a scendere dal treno e si dirigono il più possibile lontano dai binari ma in pochi secondi la bomba esplode tra le loro mani. 

Con il loro sacrificio Foti e Martini, entrambi Medaglia d'Oro al Valor Militare, evitarono quella che sarebbe potuta essere la più terribile strage terroristica in Trentino. L'episodio è coonsiderato l'ultimo atto terroristico di stampo sudtirolese, ma la riapertura delle indagini a fine anni '90 ha riletto la vicenda da un altro punto di vista fino a considerarla ilprologo della "strategia della tensione" che caratterizzerà il decennio successivo in Italia. La morte dei due agenti resta impunita. 

"A cinquant’anni esatti di distanza da quei fatti orribili -  si  legge nella nota  con la  quale la Proviincia comunica l'assegnazione dell'onorificenza - la Presidenza del Consiglio della Provincia autonoma di Trento ricorderà il sacrificio di Foti e Martini, ma anche di tutte le donne e gli uomini delle Forze dell’Ordine e della Magistratura caduti nell’adempimento del loro dovere,  attribuendo, in memoria dei due Agenti, l’alto riconoscimento dell’Aquila di San Venceslao”. La cerimonia pubblica si terrà oggi, venerdì 29  settembre, alle ore 17.30 presso il palazzo della Provincia in piazza Dante.

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

Notizie di oggi

  • Cronaca

    Regole più severe per gli inquilini Itea: arriva la "patente a punti"

  • Cronaca

    Convegno "Uomini e donne": la polizia carica i contestatori

  • Cronaca

    Monte Altissimo, trovano la neve e sono senza ramponi: recuperati dal Soccorso Alpino

  • Green

    I ragazzi della Marcia per il Clima ripuliscono il fiume

I più letti della settimana

  • Giornata Mondiale della Sindrome di Down: ecco cosa significano i "calzini spaiati"

  • Tragedia a Vezzano: muore investito dal suo camion

  • A Trento quasi una famiglia su due è composta da una sola persona

  • Valsugana: centrato dall'auto al bivio di Levico, muore motociclista

  • Sbranò un bimbo, ora è stata rieducata e adottata: una seconda vita per Asia

  • Medico opera la moglie senza autorizzazione: condannato per falso

Torna su
TrentoToday è in caricamento