Foibe, tensione altissima tra Casapound e antifascisti

Bombe carta, lancio di pietre e lacrimogeni con le parti che sono arrivate vicinissime al contatto ieri sera in Largo Pigarelli davanti al tribunale di Trento, per l'iniziativa di commemorazione organizzata da Fratelli d'Italia e Casa Pound

Momenti di tensione ieri sera attorno alle 21 per la commemorazione delle vittime delle Foibe, organizzata in Largo Pigarelli, davanti al tribunale di Trento, da Fratelli d’Italia e Casa Pound.

All'iniziativa hanno risposto un centinaio di antifascisti, con anarchici e militanti del Centro Sociale Bruno, che hanno accusato i neofascisti di Casa Pound di aver organizzato una "pretestuosa commemorazione delle foibe come occasione per avere visibilità e tentare di legittimare la loro presenza in città".

Le parti hanno sfiorato il contatto ma le forze dell'ordine hanno riportato la situazione sotto controllo con alcune cariche. Per scongiurare possibili assalti, polizia e carabinieri  dopo la conclusione della manifestazione hanno temporaneamente chiuso via Marighetto, dove ha sede Casa Pound. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Dramma nei boschi di Pinè: cacciatore spara agli amici

  • Trento, accoltellato dalla fidanzata: ragazzo soccorso per strada e trasportato in ospedale

  • Le migliori osterie del Trentino secondo Slow Food

  • Camion bloccato dalla neve: arrivano i Vigili del Fuoco con l'autogru

  • Guida Michelin 2020: ecco i ristoranti "stellati" in Trentino

  • Pioggia e neve: allerta meteo della Protezione Civile per le prossime 48 ore

Torna su
TrentoToday è in caricamento