Scoperta una distilleria clandestina di grappa: sequestrati 340 litri

L'attività avveniva in una cantina semi interrata il cui accesso era possibile unicamente attraverso una botola. Il prodotto, la cui gradazione alcolica era intorno ai 45 gradi, avrebbe garantito un guadagno di 2.500 euro

Una distilleria clandestina di grappa è stata scoperta nella Bassa Vallagarina dai finanzieri della Compagnia di Rovereto i quali hanno sequestrato 340 litri di sostanze alcoliche e denunciato il responsabile.

L'operazione è stata condotta a seguito di uno monitoraggio delle zone di Ala - Avio, già in passato interessate da altri tre sequestri di questo tipo. La distilleria clandestina è stata individuata all'interno di un deposito agricolo adiacente ad un'abitazione dal quale usciva un forte odore tipico della fermentazione della materia prima usata. L'attivita' di distillazione - hanno scoperto i finanzieri - avveniva in una cantina semi-interrata il cui accesso era possibile unicamente attraverso una botola.
 
Il prodotto sequestrato, la cui gradazione alcolica era intorno ai 45 gradi, se collocato sul mercato avrebbe garantito un guadagno di circa 2.500 euro. 
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Ecco i divieti che rimangono anche dopo il 3 giugno

  • Riapertura asili e materne con massimo di dieci bambini per sezione. Cgil: "Rimangono perplessità"

  • Mamma muore a 40 anni dopo un malore: cordoglio a Mezzocorona

  • Bambino rischia il soffocamento per una ciliegia, la madre conosce la manovra e lo salva

  • Incidente mortale a Bedollo: morto a 21 anni Tommaso Mattivi

  • Ladro perde il mazzo di chiavi: i carabinieri aprono la porta di casa e lo denunciano

Torna su
TrentoToday è in caricamento