Val di Non: 157 balloni di fieno donati agli allevatori di Amatrice

Il cuore grande della Vall di Non: 11mila euro raccolti in una settimana, che si sono tramutati in 157 balloni di fieno donati a 15 aziende zootecniche in difficoltà

Oltre 11mila euro raccolti in una settimana: donazioni anonime raccolte da cittadini, aziende  ed associazioni in favore degli allevatori di Amatrice, il borgo del Centro Italia distrutto dal terremoto di agosto, ed ulteriormente piegato dalle nuove  scosse e dalle nevicate di gennaio. Questa volta ad aprire il cuore è stata la gente di Ville d'Anaunia, comune della Val di Non. I soldi sono stati trautati in fieno: 157 balloni acquistati e donati agli allevatori della zona di Amatrice.

Un primo carico di fieno è stato consegnato sabato scorso da una spedizione guidata dal comandante dei Vigili del Fuoco Volontari di Tuenno, Angelo Valentini, che era entrato in contatto con gli allevatori della  zona nel novembre scorso, in occasione di un campo di volontariato con i ragazzi dell'Istituto Agrario di San Michele. Per individuare 15 aziende beneficiarie, tra quelle aziende che più di altre necessitano del fieno, fondamentali sono stati i contatti con il sindaco di Amatrice Sergio Pirozzi e Mirko Tabarelli, autotrasportatore originario di Rallo ma residente da tempo nel paesino in provincia di Rieti con la moglie Susan e la figlia. 

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Camion divorato dalle fiamme in A22: autostrada chiusa

  • Una turbolenza chiude la vela del parapendio e lo fa precipitare da 2mila metri: morto

  • Vivaio di meli senza pagare le tasse: imprenditore arrestato,giro d'affari di 10 mln

  • "Aiuto, c'è una donna con lenzuolo bianco sulla statale": chiamano il 112 per la Samara challange

  • Incendio in casa: morta una mamma, grave il suo bambino

  • Tornano all'auto parcheggiata in via Grazioli e ci trovano dentro il ladro

Torna su
TrentoToday è in caricamento