Fecondazione eterologa negata in Trentino: i Laici lanciano una "class action"

Dopo la sentenza del Tribunale di Trento che condannna l'Apss i rimborsi, forfettari, coprirebbero solamente la metà delle spese sostenute dalle coppie costrette a rivolgersi a strutture fuori provincia

Fecondazione eterologa in Trentino: prima un diritto negato poi, dopo la sentenza di condanna del Tribunale di Trento, la beffa. L'Apss, condannata a rimborsare le spese sostenute fuori provincia alla prima coppia che ha fatto ricorso ora proporrebbe solamente rimmborsi forteffari, che non arriverebbbero nemmeno a coprire la metà delle spese di chi, vistosa l'impossibilità di ricorrere alla fecondazione eterologa in Trentino, è costretto a rivolgersi a strutture lombrade e venete. La denuncia arriva dal Comitato Laici Trentino per  i Diritti Civili, che lancia una sorta di "class action" per tutte le coppie trentine che si trovano in questa situazione. A difenderle sarà l'avvocato Alexander Schuster.

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

Notizie di oggi

  • Incidenti stradali

    Frontale a Pietramurata, Gardesana bloccata per un'ora

  • Cronaca

    Piazza Dante, ecco il presidio di Polizia Locale

  • Cronaca

    Cade mentre libera la strada dagli alberi, muore cinque giorni dopo al S. Chiara

  • Meteo

    Meteo: arriva il freddo, minime a 0° nel weekend

I più letti della settimana

  • Sulle Dolomiti un minerale finora sconosciuto: la fiemmeite

  • Incidente alle Sarche, nel frontale coinvolti due bambini

  • Il nuovo assessore alla Cultura del Trentino scrive Conoscienza con la 'i'

  • Resta nel negozio chiuso in pausa pranzo e si trova di fronte i ladri

  • Piedicastello cambia volto, domenica l'inaugurazione della nuova piazza

  • "L'alpino adotta un pino": panettoni e solidarietà dopo il maltempo

Torna su
TrentoToday è in caricamento