Raccolta fondi per riaprire la "Falesia dimenticata" sul Sarca: la storia in onda su Rai Tre

Tre alpinisti vogliono acquistare un terreno privato per riaprire a tutti una parete rocciosa che fino agli anni '90 era meta di top climbers da tutto il mondo

Un angolo dimenticato tra la valle del Sarca ed il Banale, frequentata dai migliori climbers del mondo fino agli anni '90, e poi dimenticata. La storia di Ilenia, Davide e Simone, tre arrrampicatori con il sogno di riaprire la parete rocciosa ad appassionati di tutto il mondo, andrà in onda  su Bellitalia, il  programma di Rai Tre dedicato al paesaggio italiano, sabato 15 aprile alle ore 11.00. 

Il loro obiettivo è infatti ambizioso, e necessita della più vasta attenzione mediatica: i tre hanno lannciato un crowdfunding, ovvero una raccolta fondi via web, per arrivare alla cifra di 18.000 euro, necessaria per l'acquisto del terreno privato sul quale sorge la "Falesia dimenticata". Per farlo  hanno 40  gioni a partire dal 26 aprile, ed allo scopo hanno anche fondato un'associazione sportiva dilettantistica. "L’obiettivo più alto è quello di risistemare tutte e 40 le vie esistenti e attrezzare nuovi percorsi, anche per i disabili" spiegano in una nota. Come tutti i climbers, mirano in alto. 
 

Potrebbe interessarti

  • Enorme masso cade sulla strada del passo Gavia: foto impressionanti

  • Jovanotti a Plan De Corones, la Provincia vieta di andarci a piedi o in bici

  • A22 da "bollino nero": code da Bressanone ad Affi

  • Brenta: chiuse le ferrate Detassis e Bocchette Centrali

I più letti della settimana

  • Jovanotti arriva a Plan De Corones: "Il concerto deve finire alle 20.30, venite presto"

  • Enorme masso cade sulla strada del passo Gavia: foto impressionanti

  • Jovanotti a Plan De Corones: la pioggia non ferma la festa

  • Fermati con 33 chili di funghi nell'auto: multa da 1.000 euro per quattro turisti

  • Jovanotti a Plan De Corones, la Provincia vieta di andarci a piedi o in bici

  • Prende a martellate marito e figlia poi telefona alla Polizia: "Li ho uccisi io"

Torna su
TrentoToday è in caricamento