Primiero: armi storiche ed esplosivo in casa, denunciati due fratelli

Sono serviti ben 15 diversi decreti di perquisizione per portare alla luce altro materiale esplosivo dopo il caso dell'arsenale scoperto in casa di un cinquantenne a Capodanno

Un fucile moschetto calibro 6,5 ed un Budapest M95, più di cento cartucce  di vario calibro, un etto di polvere da sparo, otto detonatori in rame e dieci metri di miccia a lenta combustione. Questo l'elenco del materiale ritrovato dai Carabinieri del Primiero che, dopo il caso del cinquantenne arrestato a Capodanno perchè trovato in posseso di un'ingente quantità di materiale esplosivo, hanno deciso di battere a tappeto la valle.

L'operazione questa volta è stata condotta in collaborazione con il Nucleo Artificieri dei Carabinieri  di Bolzano e le unità cinofile anti-esplosivo dei Nuclei di Laives e Torreglia (PD). Fondamentali le informazioni raccolte nella valle dai carabinieri per capire dove i due nascondessero il resto dell'arsenale: sono stati ben 15 i diversi decreti di perquisizione relativi ad altrettanti locali di pertinenza dei due ad Imer, Canal San Bovo e Canazei.

Potrebbe interessarti

  • Trento, il cielo coperto di nuvole a bolle: ecco perché è successo

  • Troppi incidenti in moto: in arrivo i 60 km/h sui passi dolomitici

  • Passo Gavia aperto: tra muri di neve e la strada che sembra un fiume

  • Falena gigante sul balcone di casa: ecco la foto di una nostra lettrice

I più letti della settimana

  • Incidente mortale con la moto a Dimaro

  • Aereo perde contatto radio: inseguito da un caccia nei cieli del Garda

  • Suv va a fuoco in Autogrill, i proprietari: "Dentro avevamo valigetta con 9mila euro ed è sparita"

  • Troppi incidenti in moto: in arrivo i 60 km/h sui passi dolomitici

  • Strani rumori in giardino: esce a controllare e si ritrova davanti l'orso

  • Passo Gavia aperto: tra muri di neve e la strada che sembra un fiume

Torna su
TrentoToday è in caricamento