Auto storiche: il bollo non si paga

Non è nemmeno passato un anno dalla reintroduzione del bollo per le auto vecchie "solo" di vent'anni che la Provincia ci ha ripensato, approvando all'unanimità la proposta del consigliere Giacomo Bezzi. Il bollo eventualmente pagato per il 2015 sarà rimborsato

In Trentino le auto storiche non pagheranno più il "bollo": nei giorni scorsi il consiglio provinciale ha approvato all'unanimità la proposta del consigliere di Forza Italia Giacomo Bezzi che esenta auto, e moto, di interesse storico dal pagamento della tassa, incassata dall'Aci ma di competenza provinciale.

La proposta verrà recepita nella manovra di assestamento, come ha spiegato l'assessore Alessandro Olivi, ma la norma va oltre la semplice esenzione: sarà infatti retroattiva quindi il bollo eventualmente pagato per il 2015 sarà rimborsato.

Si tratta in realtà di un ripristino: l'esenzione in Trentino è ancora valida per veicoli ultracentennali, mentre, per quanto riguarda auto e moto vecchie "solo" di vent'anni, il bollo era stato reintrodotto con una legge del 23 dicembre 2014, ed obbligava a pagare il bollo del 2015. Una norma che non è durata nemmeno un anno. 

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

Notizie di oggi

  • Attualità

    Sempre più trentini emigrano all'estero, prima destinazione Regno Unito

  • Cronaca

    Sbranò un bimbo, ora è stata rieducata e adottata: una seconda vita per Asia

  • Cronaca

    Paga una Porsche usata con un assegno falso: arrestato super-truffatore

  • Politica

    Cacciatori sulle strade forestali: proposta bocciata

I più letti della settimana

  • "Meraviglie": Alberto Angela torna in Trentino, questa volta al Castello del Buonconsiglio

  • Valsugana: centrato dall'auto al bivio di Levico, muore motociclista

  • Marcia per il clima: anche a Trento i giovani chiedono un futuro vivibile

  • Weekend: Fiera, San Patrizio e tanti eventi

  • Una collina di rifiuti alta 23 metri in una cava a Mezzocorona: blitz dei carabinieri

  • "Duello" a ricreazione con mazza e punteruolo: la lite era nata su facebook

Torna su
TrentoToday è in caricamento