Malato modifica la ricetta per acquistare farmaco simile all'eroina

Il trentenne sorpreso dai carabinieri di Ponte Arche era stato autorizzato dal medico curante all'acquisto del farmaco a base di oppiacei. Avrebbe però modificato la ricetta, aumentando la quantità di volta in volta. E' accusato di falso materiale e rischia un anno di reclusione

Era riuscito a modificare la ricetta per farsi consegnare un farmaco usato come sostituto dell'eroina. Dovrà rispondere di falsità materiale, reato per il quale è previsto fino ad un anno di reclusione, il trentenne giudicariense scoperto ieri dai carabinieri di Ponte Arche. Il farmaco in questione, l'ossicodone, utilizzato nella terapia del dolore per malattie oncologiche, è chiamato anche "hillibilly heroin" o "eroina di montagna".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Data la composizione a base di oppiacei, se assunto in sovraddosaggio dà effetti in tutto simili a quelli dell'eroina. Non si sa se sia stato realmente questo l'intento del giovane: il  medico curante lo aveva infatti autorizzato all'acquisto dell'ossicodone, poichè tale farmaco rientrava nella terapia prescritta. Il ragazzo ha però modificato più volte la quantità sulla ricetta, aumentandola ogni volta che si trovava ad acquistare il farmaco. Dovrà ora rispondere della sua condotta all'autorità giudiziaria. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Trentino prima regione che si "libererà" dal virus. Bordon: "Studio ipotetico, preoccupati dall'onda lunga"

  • Coronavirus, ecco la mappa dei contagi in Trentino: Canazei la più colpita in proporzione

  • Il dramma: muore di coronavirus 11 giorni dopo la moglie

  • Mascherine "made in Trentino": 10 aziende riconvertite, analisi dei tamponi grazie all'Università

  • Uomo fermato fuori casa: "Ero in ospedale, mi è nata una figlia". Ma non è vero

  • "Io resto a casa": ecco la classifica delle regioni grazie allo studio delle "storie" su Instagram

Torna su
TrentoToday è in caricamento