Un chilo di eroina nell'auto, altrettanta a casa: arrestati

Arrestati due trafficanti incappati nei controlli della Finanza

Un chilo di eroina nascosto nell'auto, un altro a casa. Sequestro importante delle Fiamme Gialle trentine grazie all'ausiio dei cani Aipol, Gabriel e Nabuco. Durnte un normale controllo stradale i finanzieri hanno fermato un'auto con targa italiana condotta da un cittadino albanese, che viaggiava insieme ad un connazionale; entrambi residenti in Italia regolarmente. 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Dopo un veloce controllo dei documenti è entrato in azione il cane Aipol, che ha indicato chiaramente agli agenti il lato destro del bagagliaio. Lì, all'interno di un vano appositamente ricavato, i finanzieri hannno ritrovato due panetti da mezzo chilo di eroina purissima. La successiva perquisizione domiciliare ha portat alla luce altri due pacchi, identici, per un totale di due chili di droga sequestrati, oltre a 250 euro in contanti, considerati provento di spaccio. Nulla in confronto a quanto avrebbe potuto fruttare la  droga sul mercato: circa 100.000 euro secondo i calcoli dei finanzieri. I due sono stati arrestati.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Ecco i divieti che rimangono anche dopo il 3 giugno

  • Riapertura asili e materne con massimo di dieci bambini per sezione. Cgil: "Rimangono perplessità"

  • Bambino rischia il soffocamento per una ciliegia, la madre conosce la manovra e lo salva

  • Mamma muore a 40 anni dopo un malore: cordoglio a Mezzocorona

  • Asili nido e materne in Trentino riaprono l'8 giugno: la decisione della Giunta

  • Ladro perde il mazzo di chiavi: i carabinieri aprono la porta di casa e lo denunciano

Torna su
TrentoToday è in caricamento