Epatite C: trentino risarcito 30 anni dopo. Il Ministero dovrà pagare 400.000 euro

Un operaio trentino, residente nelle Giudicarie, contrasse la malattia con le trasfusioni di sangue necessarie per curare un infortunio sul lavoro. Il fatto risale al 1986 ed oggi il Tribunale di Trento ha disposto il risarcimento di 400.000 euro da parte del Ministero della Salute

Una battaglia legale durata oltre dieci anni, ma la storia ne ha quasi trenta: risalgono al 1986 le cure effettuate da un operaio trentino vittima di un incidente sul lavoro. L'uomo, residente nelle Giudicarie, fu sottoposto a trasfusioni del sangue. Un'operazione che, oggi, è stata dichiarata come causa dell'epatite C che si manifestò 17 anni dopo, nel 2003. Nei giorni scorsi, come riporta oggi l'agenzia Ansa, il Tribunale di Trento ha condannato il Ministero della salute (allora la struttura presso la quale vennero eseguite le trasfusioni era l'Ussl 25 del Veneto) ad un risarcimento di 372.000 euro più spese legali. 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Trentino prima regione che si "libererà" dal virus. Bordon: "Studio ipotetico, preoccupati dall'onda lunga"

  • Coronavirus, ecco la mappa dei contagi in Trentino: Canazei la più colpita in proporzione

  • Il dramma: muore di coronavirus 11 giorni dopo la moglie

  • Mascherine "made in Trentino": 10 aziende riconvertite, analisi dei tamponi grazie all'Università

  • Uomo fermato fuori casa: "Ero in ospedale, mi è nata una figlia". Ma non è vero

  • "Io resto a casa": ecco la classifica delle regioni grazie allo studio delle "storie" su Instagram

Torna su
TrentoToday è in caricamento