Emergenza freddo, a Trento 202 posti in dormitorio

Quest'anno i posti sono 202, e sembrano essere sufficienti, almeno secondo quanto dichiarato da Fondazione Comunità Solidale, che comunque monitora la situazione con unità di strada

Il freddo si fa sentire in questi giorni a Trento, ed a destare preoccupazione è la situazione delle persone senza dimora, che vivono in strada. Com'è noto ogni anno il Comune di Trento predispone un piano condiviso con il mondo del volontariato e del sociale per affrontare l'emergenza freddo. Quest'anno i posti a disposizione in dormitorio sono 202. "Non risultano ad oggi altre persone in lista d'attesa, ma in ogni caso monitoriamo la situazione attraverso unità di strada" ha detto in un'intervista a Vita Trentina Cristian gatti, direttore della Fondazione comunità solidale. I posti a disposizione, assegnati attraverso le richieste raccolte dallo Sportello unico di via Endrici, sono dunque sufficienti, ma l'attenzione resta alta dopo i decessi di persone senza dimora avvenuti recentemente, 8 in pochi giorni in alcune città italiane

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

Notizie di oggi

  • Elezioni

    "Election Day", Trento al voto domenica 26 maggio: si vota dalle 7 alle 23

  • Attualità

    Fallisce Mercatone Uno: 30 persone vanno al lavoro e trovano il negozio chiuso

  • Politica

    Elezioni europee, apertura straordinaria uffici comunali per tessere elettorali e documenti

  • Incidenti stradali

    Paura a Predazzo, auto esce di strada in curva e si ribalta

I più letti della settimana

  • Incidente mortale, esce di strada e finisce in un burrone: morto 38enne

  • Ragazzo scomparso da casa, l'appello su facebook: "Aiutateci a ritrovarlo"

  • E' Cristina Pavanelli, trentina, la donna morta sul Flixbus in Germania

  • "Salvini togli anche questi": a Trento arriva la 'protesta dei lenzuoli bianchi'

  • Morta sul Flixbus in Germania: chi era la trentina Cristina Pavanelli

  • Orsetto sulla provinciale: i Vigili del Fuoco chiudono la strada

Torna su
TrentoToday è in caricamento