Fermata alla stazione di Trento confessa di aver ingerito ovuli di cocaina

Fermata a Trento una donna 40enne, cittadina nigeriana, "usata" come corriere della droga: oltre ai 2,8 chili che trasportava nello zaino aveva anche ingerito diversi ovuli. E' stata trasportata all'Ospedale S. Chiara, in stato di arresto

E' stata probabilmente usata come corriere della droga la donna, 40enne cittdina nigeriana residente a Parma, fermata ieri dagli uomini della Squadra Mobile all'interno della stazione di Trento. Quando l'hanno fermata gli agenti hanno subito notato un forte odore di caffè, stratagemma usato per nascondere la cocaina anche al fiuto dei cani antidroga.

La donna trasportava nello zaino 2,8 chili di cocaina, destinata con tutta probabilità al mercato trentino, ma non solo: ai poliziotti ha confessato di aver ingerito anche diversi ovuli della stessa sostanza, circa un paio di etti. Si tratta di un metodo particolarmente pericoloso, visto che in ogni momento uno o più ovuli potrebbero aprirsi nello stomaco, con conseguenze anche letali. La donna è stata immediatamente trasportata all'Ospedale Santa Chiara. Dopo aver ricevuto le cure necessarie è stata dichiarata in stato di arresto. 

Potrebbe interessarti

  • Enorme masso cade sulla strada del passo Gavia: foto impressionanti

  • Rovereto, scoperte due specie arboree ignote alla scienza

  • Spettacolare protesta degli Schuetzen: coprono 600 cartelli tedeschi

  • Brenta: chiuse le ferrate Detassis e Bocchette Centrali

I più letti della settimana

  • Motociclista perde la vita al passo Tonale

  • Enorme masso cade sulla strada del passo Gavia: foto impressionanti

  • Cosa fare a Trento nel week-end: musica dal vivo, feste e castelli aperti

  • Cosa fare Ferragosto: cultura, musica e buona cucina

  • Tragedia in alta quota, sbatte contro la parete e precipita: morta base jumper di 30 anni

  • Incidente sulla A22, schianto auto-camion: traffico in tilt

Torna su
TrentoToday è in caricamento