Primiero: arrestato cinquantenne con mezzo etto di hashish

In manette un uomo di 48 anni residente a San Martino di Castrozza accusato di rifornire i giovani della valle

Mezzo etto di hiashish ma anche due bilancini di precisione, segno di "attività" lucrosa: è questo il bilancio di una perquisizione svolta alle prime luci dell'alba da parte dei Carabinieri della Compagnia di Cavalese con l'ausilio del cane Zeus dei cinofili di Laives, in casa di un uomo di 48 anni, cittadino ialiano originario della Tunisia residente a San Martino di Castroza, arrestato per spaccio. 

Secondo le informazioni raccolte dai militari di Imer l'uomo era uno spacciatore abituale e riforniva alcuni giovani della valle arrivando a guadagnare, grazie alla vendita della sostannza sequestrata, anche 1200 euro. I carabinieri lanciano anche l'allarme riguardo a sostanze sintetiche, del tutto simili all'hashish "tradizionale", che è invece riicavato dalla pianta della cannabis, che sono molto più pericolose ed aumentano la possibilità di sviluppare dipendenza. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • La Croce Bianca di Trento piange Silvio Maestrelli: la triste scomparsa del ragazzo

  • Campitello di Fassa, ha un infarto al mercatino di Natale: in prognosi riservata

  • Treni, dopo il diretto per Milano arriva anche il Bolzano-Vienna

  • La leggenda di Santa Lucia, "collega" di Babbo Natale

  • Krampus "violenti" a Vipiteno? E' una tradizione, ma la fake news fa il giro del web

  • Incidente mortale sulla A22: furgone contro un camion

Torna su
TrentoToday è in caricamento