Dosso San Martino a Vervò sarà un museo all'aperto: ritrovati ornamenti funebri altomedievali

In Val di Non un sito abitato dall'Età del ferro al Medioevo, testimone della cultura retica: "sarà musealizzato" promette la Soprintendenza

Nuovi scavi sul dosso di San Martino, sito archeologico nnei pressi del paese di Vervò in Val di Non. I lavori, curati dalla Soprintendenza, hanno portato alla luce perimetri murari riconducibili a varie fasi dall'Età del Ferro fino al Basso Medioevo.

Il luogo pare sia stato abitato a più riprese nel corso dei secoli: "le scoperte effettuate e le evidenze restituite sottolineano ancora una volta il ruolo di assoluto primo piano che la Val di Non riveste nel panorama archeologico dell’intero arco alpino" spiega della Soprintendenza, nella quale viene annunciata, in accordo con il Comune, la "musealizzazione" del sito che sarà quindi, in un futuro, visitabile.

Gli oggetti ritrovati durante quest'ultima fase di scavi sono invece custoditi nel vicino Museo Retico di San Zeno: si tratta di ornamenti riconducibili a corredi personali ritrovati in un nucleo di nove sepolture ad inumazione di età altomedievale, tra i VI ed il VII secolo dopo Cristo. A tali ritrovamenti è dedicato un approfondito articolo della rivista "Archeo, attualità del passato" pubblicata nel mese di gennaio.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Carabinieri di Trento, sequestrate 50mila confezioni di cosmetici all'arnica per mezzo milione di euro

  • Paura per un grave incidente a Mattarello: pedone travolto mentre attraversa sulle strisce

  • Incidenti, si schianta con l'auto contro un muretto: morta mamma di quattro figli

  • Autovelox sulle strade trentine, ecco dove saranno a gennaio

  • San Giovanni di Fassa, guida ubriaco l'auto di un altro: patente sospesa per due anni

  • A 176 all'ora in galleria: beccato con il telelaser

Torna su
TrentoToday è in caricamento