Botti vietati in sei comuni: ai trasgressori fino a 500 euro di multa

Non si potranno sparare fuochi d’artificio a Scurelle, Campitello di Fassa, Roveré della Luna, Monclassico, Tassullo e Pelugo. In alcuni comuni il divieto si limita al 31 dicembre e 1 gennaio, in altri il divieto è esteso fino al 7 gennaio

Niente petardi e fuochi d’artificio per salutare il 2013 ed entrare nel nuovo anno. A deciderlo, con un’ordinanza di divieto, sei comuni del Trentino, che hanno detto no ai botti di Capodanno per tutelare la sicurezza di persone e animali, ma anche per evitare incendi. Non si potranno sparare fuochi d’artificio a Scurelle, Campitello di Fassa, Roveré della Luna, Monclassico, Tassullo e Pelugo. In alcuni comuni il divieto si limita al 31 dicembre e 1 gennaio, in altri il divieto è esteso fino al 7 gennaio. Coloro che non rispettano i divieti incorrono a sanzioni che variano da 25 a 500 euro.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Due pastori del Caucaso "terrorizzano" Oltrecastello: passante morso al braccio

  • Paura vicino ai mercatini di Natale, ragazzo accoltellato alla pancia: è grave

  • Bancomat fatto esplodere nella notte: spariti 40mila euro e gravi danni al palazzo

  • Incidente a Segonzano: ferito 12enne. I vigili del fuoco: "Decima volta in quel punto"

  • Ritrova la sorella dopo 50 anni: la storia di Luca

  • Diciottenne blocca il bus e prende il vetro a testate, poi aggredisce autista ed agenti

Torna su
TrentoToday è in caricamento