Officina in nero e discarica abusiva a Gardolo

L'operazione della Finanza nata per motivi fiscali ha portato allo scoperto una situazione ad altissimo rischio per l'ambiente

Officina in nero, discarica abusiva: succede a Gardolo dove i finanzieri hanno sequestrato un'area di ben 1.200 metri quadri utilizzata come deposito di rifiuti in violazione alle norme sull'ambiente. L'operazione è nata da un semplice controllo fiscale,  ma ha portato a ritrovare rottami, carcasse di automobili, batterie, pneumatici, colle e vernici. Tutto materiale lasciato ll'esterno al vento, al sole ed alla pioggia con un rischio di inquinamento delle falde acquifere altissimo.

"Gli organi competenti ad effettuare le analisi chimiche dei terreni sequestrati valuteranno il livello di inquinamento e di tossicità raggiunto nonché l’eventuale avvelenamento di falde acquifere sottostanti - scrive la Guardia di Finanza in una nota che accompagna la presentazione delle operazioni -. È in corso la ricostruzione del volume d’affari dell’attività completamente in nero svolta sul terreno attualmente sotto vincolo giudiziario".

I due, entrambi trentenni, uno cittadino italiano l'altro moldavo, sono stati denunciati per reati ambientali e rischiano fino a 3 anni di reclusione e 50.000 euro di sanzioni. Sono inoltre in corso gli accertamenti per il recupero dei tributi sul conferimento in discarica che i due avrebbero dovuto pagare per smaltire correttamente tutti quei rifiuti: oltre 120 metri cubi.

Potrebbe interessarti

  • Trento, il cielo coperto di nuvole a bolle: ecco perché è successo

  • Troppi incidenti in moto: in arrivo i 60 km/h sui passi dolomitici

  • Passo Gavia aperto: tra muri di neve e la strada che sembra un fiume

  • Falena gigante sul balcone di casa: ecco la foto di una nostra lettrice

I più letti della settimana

  • Incidente mortale con la moto a Dimaro

  • Aereo perde contatto radio: inseguito da un caccia nei cieli del Garda

  • Suv va a fuoco in Autogrill, i proprietari: "Dentro avevamo valigetta con 9mila euro ed è sparita"

  • Troppi incidenti in moto: in arrivo i 60 km/h sui passi dolomitici

  • Strani rumori in giardino: esce a controllare e si ritrova davanti l'orso

  • Passo Gavia aperto: tra muri di neve e la strada che sembra un fiume

Torna su
TrentoToday è in caricamento