Maltempo: a Dimaro si continua a lavorare, ridotta la 'zona rossa'

A Dimaro la 'zona rossa' tra via Gole e via Tonale (la statale 42), compresa la parte immediatamente a nord della statale, è ora accessibile alla popolazione. Sarà messo in sicurezza anche il rio Rotian e saranno aumentati i monitoraggi

Dimaro

A Dimaro la 'zona rossa' tra via Gole e via Tonale (la statale 42), compresa la parte immediatamente a nord della statale, è ora accessibile alla popolazione. Il sindaco Andrea Lazzaroni ha firmato il provvedimento con cui l'area è stata ridimensionata: questa la decisione principale adottata oggi nel corso della riunione che si è tenuta in tarda mattinata presso la Provincia autonoma di Trento, alla presenza del presidente Maurizio Fugatti, del direttore generale Paolo Nicoletti, dei dirigenti provinciali dei settori coinvolti nell’emergenza per il maltempo, del primo cittadino di Dimaro Folgarida e del consigliere provinciale, fino a pochi giorni fa amministratore del Comune, Ivano Job, che, dalle prime ore, sta seguendo per l’amministrazione locale gli interventi di emergenza sul territorio. Tra le priorità si è deciso anche l'alleggerimento dei fronti franosi e delle erosioni sulle sponde del rio Rotian, osservato speciale, nella parte alta del bacino. 

Dopo una fotografia della situazione attuale e un primo confronto sull'assetto complessivo da dare alla zona coinvolta, si è deciso di continuare a muoversi in tre direzioni: procedere per parti progressive alla liberazione dell’abitato dai detriti che lo hanno investito e quindi alla riduzione della 'zona rossa', in relazione all’andamento dei lavori e alle eventuali ulteriori precipitazioni (una eventuale ulteriore riduzione della sarà decisa in un incontro che si terrà fra 7-10 giorni); mettere in sicurezza il Rio Rotian, anche verificando o ripristinando la funzionalità delle briglie poste lungo il suo corso; accentuare il monitoraggio, attraverso un apposito piano che preveda le procedure da attivare in caso di allerta, anche attraverso messaggi da inviare sia alle strutture provinciali che a quelle del Comune. 

I geologi provinciali continueranno inoltre a collaborare con il personale impegnato in zona, in particolare assieme a quello del Servizio bacini montani della Provincia. Durante l’incontro si è parlato anche delle risorse, ancora da definire nei dettagli, da riconoscere al Comune per le spese sostenute per dare ospitalità alle persone che hanno dovuto abbandonare le loro abitazioni. Si è fatto il punto anche su alcune scadenze amministrative che riguardano il Comune di Dimaro Folgarida al quale l’amministrazione provinciale ha confermato il suo supporto. Il direttore generale Nicoletti ha ricordato che, come annunciato, si sta anche lavorando per la sospensione della riscossione del saldo dell'Imis nei Comuni maggiormente colpiti dal maltempo. Oltre a quelli indicati, si è confermato poi l’obiettivo di salvaguardare l’ormai prossima stagione turistica, garantendo anche l’agibilità della rete viaria della zona colpita. Provincia e Comune hanno confermato l’intenzione di procedere confrontandosi costantemente sullo stato di attuazione degli interventi e sulle soluzioni che dovranno essere individuate per rispondere alle necessità che dovessero ulteriormente emergere. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Si schianta con gli sci a Madonna di Campiglio: non ce l'ha fatta Cristina Cesari

  • Campiglio, drammatico incidente sugli sci: gravissima una ragazza di 25 anni

  • Fermato perché ha i pedali rotti, in auto nasconde 400mila euro di coca: arrestato

  • Malessere collettivo a Folgarida: il virus potrebbe essere stato portato dagli studenti

  • Malore collettivo per altri due gruppi di studenti nell'hotel di Folgarida

  • Camion si incastra alla Pontara, strada bloccata

Torna su
TrentoToday è in caricamento