Suicidio in carcere: detenuti bruciano materassi per protesta

Giornata di protesta alla Casa Circondariale di Spini, ad innescare la rivolta il suicidio di un detenuto 32enne

Materassi bruciati e urla lanciate all'esterno, nella speranza che qualcuno, là fuori ascolti la protesta. I detenuti di Trento sono in rivolta dalla mattinata di oggi, 22 dicembre, dopo la morte di un detenuto, avvenuto la scorsa notte. Il 32enne si è tolto la vita, ma apparentemente il gesto sarebbe almeno in parte dovuto alle condizioni, materiali e morali, all'interno della Casa Circondariale  di Spini.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

All'interno del carcere sono intervenute forze dell'ordine, vigili del fuoco, e 118. Il Questore ed il Presidente della Provincia hanno provato a mediare. Fugatti, dopo aver rivolto uun apprezzamento alle forze dell'ordine per la fermezza con la quale la situazione è stata gestita, ha dichiarato la disponibilità ad accogliere le richieste, qualora emergano carenze in capo alla Provincia, proprietaria ed in parte gestrice della struttura. E' il secondo suicidio a Spini in poco più di un mese. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Trentino prima regione che si "libererà" dal virus. Bordon: "Studio ipotetico, preoccupati dall'onda lunga"

  • Coronavirus, ecco la mappa dei contagi in Trentino: Canazei la più colpita in proporzione

  • Morto dopo essere guarito dal coronavirus: il caso di Lucjan, 28enne della Val di Fassa

  • Mascherine "made in Trentino": 10 aziende riconvertite, analisi dei tamponi grazie all'Università

  • Coronavirus: due fratelli morti a distanza di tre giorni

  • Radersi la barba diminuisce la possibilità di contagio: tutte le bufale sul coronavirus

Torna su
TrentoToday è in caricamento