Passo Brocon: maxi-denuncia per il rave party

Il posto era talmente isolato che i carabinieri hanno pensato di utilizzare l'elicottero di Bolzano per trovarlo. La domenica a mezzogiorno militari, forestali e Vigili del Fuoco si sono presentati alla festa: 68 denunce per invasione di suolo pubblico, di cui 8 a carico di minorenni, sequestro dell'attrezzatura e fogli di via per quattro giovani

Un via vai sospetto di auto era stato notato fin dal pomeriggio del sabato: è ben presto risultato evidente che i giovani arrivati da tutto il Trentino e dal Veneto al passo del Brocon stavano allestendo un rave party nel bosco. Il luogo scelto per la festa dev'essere stato particolarmente isolato dato che solamente verso il mezzogiorno della domenica i carabinieri di Castello Tesino, con l'aiuto di rinforzi da parte di colleghi, della Guardia Forestale, dei Vigili del Fuoco ed addirittura con l'ausilio dell'elicottero dell'arma di stanza a Bolzano, sono riusciti ad individuare la radura dove si stava ancora tenendo la festa. Il risultato sono state ben 68 denunce a carico di altrettanti soggetti, ragazzi e ragazze, veneti e trentini, tutti tra i 20 ed i 28 anni, tranne 8 minorenni. Alcuni erano già conosciuti dalle forze dell'ordine per episodi simili.

L'accusa per tutti è di invasione di terreno pubblico, in questo caso demaniale ed oltre alla denuncia i carabinieri hanno richiesto alla Questura di Trento il foglio di via dal territorio comunale di Castello Tesino. A questo va ad aggiungersi, per 19 dei denunciati, la sanzione per circolazione su strada forestale. Uno dei ragazzi è stato trovato in possesso di una dose minima, per la precisione 0,3 grammi, di marijuana, ed è stato segnalato come assuntore al Commissariato del Governo.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

La denuncia per aver organizzato un evento pubblico senza autorizzazione è invece scattata per un 17enne di Feltre, che si è dichiarato come organizzatore della festa e proprietario dell'attrezzatura, tra cui due gruppi elettrogeni e otto casse acustiche, posta sotto sequestro. Ci sono volute circa sette ore per eseguire le operazioni necessarie all'identificazione delle persone ed alla contestazione degli illeciti. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Trentino prima regione che si "libererà" dal virus. Bordon: "Studio ipotetico, preoccupati dall'onda lunga"

  • Coronavirus, ecco la mappa dei contagi in Trentino: Canazei la più colpita in proporzione

  • Il dramma: muore di coronavirus 11 giorni dopo la moglie

  • Mascherine "made in Trentino": 10 aziende riconvertite, analisi dei tamponi grazie all'Università

  • "Io resto a casa": ecco la classifica delle regioni grazie allo studio delle "storie" su Instagram

  • Coronavirus: due fratelli morti a distanza di tre giorni

Torna su
TrentoToday è in caricamento