Denunciato bracconiere: in casa aveva pistole e spade giapponesi non dichiarate

Nella sua abitazione sono stati sequestrati lacci e trappole e alcune armi non denunciate: due spade giapponesi, una spada nepalese, una baionetta, due fucili ad aria compressa, un fucile calibro 16, una pistola Rass & Gasser calibro 8, una pistola Luger

Denunciato per attività di bracconaggio e detenzione abusiva di armi un uomo residente a Ton, dopo una serie di appostamenti effettuati dal personale delle Stazioni forestali di Cles-Denno, di Coredo e dell’Ufficio Distrettuale delle Foreste di Cles, con l'ausilio dei custodi forestali. Nelle scorse settimane, a valle del paese di Vigo di Ton in prossimità del torrente Rinassico, erano stati ritrovati una serie di lacci predisposti per la cattura di caprioli e altra fauna nel bosco. Dopo diversi giorni di appostamento i forestali sono riusciti ad individuare il bracconiere e, su autorizzazione del pubblico ministero, hanno effettuato una perquisizione in casa dell’uomo nella serata tra venerdì e sabato scorsi.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Nella sua abitazione sono stati trovati e quindi sequestrati lacci e trappole per la cattura di uccelli e ungulati, parti di capriolo congelato, nonché alcune armi non denunciate tra le quali due spade giapponesi, una spada nepalese, una baionetta, due fucili ad aria compressa, un fucile calibro 16, una pistola Rass & Gasser calibro 8, una pistola Luger calibro 9 con caricatore e proiettili, perfettamente funzionante. La persona è stata denunciata per attività di bracconaggio e detenzione abusiva di armi.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Trentino prima regione che si "libererà" dal virus. Bordon: "Studio ipotetico, preoccupati dall'onda lunga"

  • Coronavirus, ecco la mappa dei contagi in Trentino: Canazei la più colpita in proporzione

  • Morto dopo essere guarito dal coronavirus: il caso di Lucjan, 28enne della Val di Fassa

  • Mascherine "made in Trentino": 10 aziende riconvertite, analisi dei tamponi grazie all'Università

  • Coronavirus: due fratelli morti a distanza di tre giorni

  • Radersi la barba diminuisce la possibilità di contagio: tutte le bufale sul coronavirus

Torna su
TrentoToday è in caricamento