Diedro di Mori: si avvicina la demolizione, due fasi per la rimozione

L'ipotesi più probabile prevede la prima operazione il 3 settembre; la seconda operazione si eseguirà probabilmente dopo 15 giorni


Sarà demolito in due fasi il diedro di roccia che si trova sopra l’abitato di Mori. L’operazione è stata pianificata, restano da confermare solamente le date. Allo stato attuale l’ipotesi più probabile prevede la prima operazione il 3 settembre; la seconda operazione si eseguirà probabilmente dopo 15 giorni dalla prima, e comunque dovrà essere confermata dai tecnici che seguono i lavori preparatori. I dettagli operativi sono stati condivisi nella riunione che si è tenuta giovedì  presso la caserma dei Vigili del Fuoco Volontari di Mori e a cui hanno partecipato i rappresentanti degli enti coinvolti nell’operazione. Sarà fatta la demolizione in parete con l’utilizzo di materiale esplosivo. In via precauzionale è considerata necessaria l’evacuazione di via Teatro, circa 170 persone che troveranno ospitalità presso la scuola elementare dove sarà istituito un centro di accoglienza

Potrebbe interessarti

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

Notizie di oggi

  • Incidenti stradali

    Tamponamento alla galleria di Martignano, code in tangenziale

  • Meteo

    Meteo: previsioni per il 25 aprile, dopo un weekend da record

  • Cronaca

    Proteste per il taglio degli alberi in viale Trento, il Comune pubblica le foto: "Ecco com'erano dentro"

  • Politica

    Vigili del Fuoco: in 4 anni 10 milioni di euro per ristrutturare 62 caserme

I più letti della settimana

  • Incidente in tangenziale: elisoccorso sul posto, traffico bloccato

  • Weekend 20/22 aprile: ecco cosa fare a Trento e dintorni

  • Nomi e cognomi trentini di inizio secolo: 6000 Ferrari ed uno Yang

  • Scossa di terremoto nel Trentino occidentale, epicentro a Storo

  • Preso a bastonate dai colleghi di lavoro, denunciati per aggressione

  • Preghena, tragico incidente con la stufa: Bruna Alessandri morta a causa delle ustioni

Torna su
TrentoToday è in caricamento