Fiumi a secco, Italia Nostra chiede sei mesi di stop

Sulla revisione dei deflussi minimi vitali dei corsi d'acqua gli ambientalisti chiedono maggiore coinvolgimento da parte della Provincia. "L'Appa renda pubblici i monitoraggi svolti sui fiumi trentini"

Con il primo marzo entra in vigore in nuovo accordo sul Deflusso Minimo Vitale dei corsi d'acqua in Trentino. Di fatto l'obiettivo è consentire un maggiore accumulo idrico nei bacini delle centrale idroelettriche, ma il dibattito è aperto.

Italia Nostra ha chiesto all'assessore all'ambiente della Provincia Mauro Gilmozzi di congelare per sei mesi il provvedimento e di allargare il dibattito anche agli ambientalisti, fino ad ora mai coinvolti nella discussione. Italia Nostra chiede inoltre che l'Appa renda pubblici i monitoraggi svolti sui fiumi trentini negli ultimi tre anni.

Che cosa è il Deflusso Minimo Vitale: è il quantitativo di acqua che deve necessariamente essere garantito per assicurare la sopravvivenza delle comunità biologiche acquatiche, la salvaguardia del corpo idrico e, in generale, gli usi plurimi a cui lo stesso è destinato. L’ipotesi di ricalibrare i valori del DMV era già prevista negli ultimi due piani acqua della Provincia.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Intanto la petizione lanciata su change.org "Ridiamo l'Acqua al Fersina" ha raggiunto le 141 sottoscrizioni.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Trentino prima regione che si "libererà" dal virus. Bordon: "Studio ipotetico, preoccupati dall'onda lunga"

  • Morto dopo essere guarito dal coronavirus: il caso di Lucjan, 28enne della Val di Fassa

  • Mascherine "made in Trentino": 10 aziende riconvertite, analisi dei tamponi grazie all'Università

  • Coronavirus: due fratelli morti a distanza di tre giorni

  • Radersi la barba diminuisce la possibilità di contagio: tutte le bufale sul coronavirus

  • Mattia, 29 anni, ricoverato a Rovereto: "Manca il fiato, è come andare sott'acqua"

Torna su
TrentoToday è in caricamento