Boscaiolo trentino muore a 23 anni, il cordoglio del Consiglio provinciale

Il presidente del Consiglio provinciale: "Un surplus di investimenti per promuovere la cultura della sicurezza sul lavoro, vicinanza alla famiglia in un momento drammatico"

Cordoglio da parte dell’intero Consiglio provinciale per la morte del giovane boscaiolo trentino Davide Chini, deceduto ieri mentre era impegnato nel taglio di una porzione di bosco in Val Camonica. Il messaggio di vicinanza alla famiglia colpita dalla terribile diisgrazia è stato diffuso questa mattina dal presidente del Consiglio  provinciale Bruno Dorigatti. 

"Una tragedia che si aggiunge, purtroppo, al già vasto repertorio degli infortuni sul lavoro che colpisce anche la società trentina e che impone un’ennesima presa di coscienza sull’importanza della tutela della sicurezza e della prevenzione degli infortuni sui luoghi di lavoro - si legge nel messaggio - Se consideriamo, inoltre, che il pericolo di subire un incidente è maggiore per chi è impegnato in attività produttive in quota, non si può non sollecitare la politica, le Istituzioni e tutta la società trentina a rivolgere maggiore attenzione al fine di evitare le conseguenze più gravi sul futuro dei lavoratori e delle lavoratrici".

"Davide aveva solo 23 anni ed un grande cuore che metteva a disposizione del volontariato e del corpo dei vigili del fuoco. Comprendiamo il dolore della famiglia alla quale esprimiamo la più forte solidarietà in questo momento drammatico" conclude Dorigatti.  

Alle parole di Dorigatti si aggiungono quelle della responsabile per la Val di Non della Cgil del Trentino Orietta Menapace: “Una giovane vita spezzata sul lavoro è un fatto gravissimo. Ogni morte bianca non dovrebbe mai accadere. Purtroppo, però, il problema della sicurezza sul lavoro è ancora una priorità anche sul nostro territorio. Su questo fronte tutti dobbiamo fare la nostra parte, sindacato compreso, rafforzando le misure di prevenzione, investendo sulla cultura della sicurezza nei luoghi di lavoro, promuovendo il rispetto delle regole. Siamo vicini all'immenso dolore della famiglia". 

Potrebbe interessarti

  • Trento, il cielo coperto di nuvole a bolle: ecco perché è successo

  • Troppi incidenti in moto: in arrivo i 60 km/h sui passi dolomitici

  • Passo Gavia aperto: tra muri di neve e la strada che sembra un fiume

  • Falena gigante sul balcone di casa: ecco la foto di una nostra lettrice

I più letti della settimana

  • Incidente mortale con la moto a Dimaro

  • Aereo perde contatto radio: inseguito da un caccia nei cieli del Garda

  • Suv va a fuoco in Autogrill, i proprietari: "Dentro avevamo valigetta con 9mila euro ed è sparita"

  • Troppi incidenti in moto: in arrivo i 60 km/h sui passi dolomitici

  • Passo Gavia aperto: tra muri di neve e la strada che sembra un fiume

  • Strani rumori in giardino: esce a controllare e si ritrova davanti l'orso

Torna su
TrentoToday è in caricamento