Arriva il freddo, i termosifoni si possono già accendere

Dal 15 ottobre gli impianti potranno essere accesi 14 ore al giorno, ma nel restante periodo dell'anno la limitazione è di 7 ore al giorno: niente di male quindi ad accendere i termosifoni in anticipo, visto l'anticipo di autunno

Le basse temperaature di questo settembre decisamente autunnale fanno venir voglia di accendere le caldaie: sì, si può, senza aspettare il 15 ottobre. Per sfatare ogni dubbio il Comune ricorda che l'annuale ordinanza prevede solamente un'estensione dell'orario a partire dal 15 ottobre, per le abitazioni sotto una certa quota.

"Gli impianti di riscaldamento possono essere già accesi - spiega una nota - per 7 ore al giorno fino al 14 ottobre; per 14 ore (tra le 5 e le 23) a partire dal 15 ottobre, anche negli edifici privati a quote più basse dei 430 metri". Ovvero nella zona climatica "E" che interessa in particolar modo la città.

Riscaldamento: ecco come e quando

Mentre nella zona climatica “F”, ovvero sopra i 430  metri, il funzionamento degli impianti termici non è soggetto ad alcuna limitazione né riguardo al periodo dell'anno né alla durata giornaliera, nella zona climatica “E” l’esercizio degli impianti termici è limitato ad un massimo di 14 ore giornaliere, distribuite tra le 5 e le 23, per il periodo compreso tra il 15 ottobre e il 15 aprile. Al di fuori di tale periodo, quindi dal 16 aprile al 14 ottobre, gli impianti termici possono essere accesi per un massimo di 7 ore al giorno dalle 5 alle 23. La temperatura massima interna della casa prevista dalla legge è di 20 gradi centigradi: "Temperature più basse peggiorano il comfort mentre a ogni grado in più di temperatura interna dell’aria corrisponde, ovviamente, un maggior consumo di combustibile" conclude la  nota. 

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

Notizie di oggi

  • Politica

    Salvini a Pinzolo: "Reintrodurre la leva militare"

  • Cronaca

    Dispersi nella neve al Refavaie, salvati dal Soccorso Alpino

  • Green

    Api in pericolo a Trento sud. La replica della Fondazione Mach: "Tutto regolare"

  • Cronaca

    La tuta alare non si apre, muore base jumper

I più letti della settimana

  • Orrore in un capannone di Scurelle: smontavano le bare prima di cremare i corpi

  • Ecco il rarissimo gatto dorato, fotografato dai ricercatori del Muse in Tanzania

  • Bare e cadaveri abbandonati in un capannone in Valsugana: indagano i carabinieri

  • A22: maxitamponamento, 17 feriti ed autostrada bloccata

  • La tuta alare non si apre, muore base jumper

  • Due incidenti nella notte a Riva del Garda: feriti tre ventenni

Torna su
TrentoToday è in caricamento