Dramma in montagna: ricercatore dell'Università di Trento cade in un crepaccio

Sempre più sottile il filo della speranza per Daniele Catorci, dopo 24 ore di ricerche

Lunghe, interminabili, ore di apprensione, e anche di speranza. Una speranza sempre più esile: Daniele Catorci, 27enne originario di Camerino e dottorando all'Università di Trento, è scivolato in un crepaccio sul ghiacciaio del Gran Paradiso. Da ormai quasi 48 ore si trova a 30 metri di profodità, dove è precipitato in seguito ad una rovinosa caduta. Le speranze che sia ancora vivo sono praticamente nulle.

La speranza si spegne: trovato il corpo di Daniele

Il ragazzo stava effettuando la scalata del ghiacciaio lungo la parete nord insieme ad un amico, Saša Polimanti, 28enne di Macerata, quando il ghiaccio sotto i loro piedi ha ceduto facendoli precipitare. Daniele è stato inghiottito dal crepaccio. L'amico, che è riuscito a mettersi in salvo, ha lanciato l'allarme mettendo in moto la macchina delle ricerche.

Il video delle operazioni di recupero

L'incidente è avvenuto nel pomeriggio di sabato 27 giugno. Il padre di Daniele, membro del Cai di Camerino, ha raggiunto la Val d'Aosta per seguire le operazioni di ricerca del Soccorso Alpino e della Guardia di Finanza. Le ricerche, sospese con il calare del buio, sono ricominciate all'alba di domenica 28 giugno, ma con il passare delle ore la speranza si è affievolita fino a spegnersi.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Daniele Catorci si era diplomato all'Università di Camerino in Chimica e seguiva un dottorato di ricerca in Scienze biomolecolari al Dipartimento d Fisica di Povo, dove era anche esercitatore di Chimica. Era una promessa dell'alpinismo. Le operazioni riprenderanno lunedì all'alba, ma sono difficilissime: il corpo si trova a circa 30 metri di profondità, nel ghiaccio. Nella cavità è stato individuato lo zaino. Si parla, ormai, di recupero della salma. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Incidente mortale in A22, la vittima è Mirko Bertinazzo

  • Schianto in moto: muore 46enne, gravissima l'amica

  • Frode fiscale da due milioni nelle importazioni di auto usate: sequestri anche a Trento

  • "Non si affitta a trentini": la protesta in Puglia contro l'abbattimento dell'orsa

  • Il pusher scappa, poliziotto ferma un'auto e si fa "accompagnare" ad acciuffarlo

  • In arrivo temporali, grandinate e raffiche di vento: allerta della protezione civile

Torna su
TrentoToday è in caricamento