Tenta di soffocare la vicina di casa, dovrà rispondere di furto e tentato omicidio

Un tentato omicidio per coprire dei furti, i quali a loro volta sarebbero scaturiti da una dipendenza dal gioco. Chiuse le indagini sul caso di Pergine

Dovrà rispondere di tentato omicidio la 52enne di Pergine che tentò di soffocare l'anziana vicina di casa. Il fatto risale al luglio scorso. Dopo una settimana di indagini serrate su quello che apparentemente sembrava essere un caso di malore, i carabinieri stabilirono la dinamica dei fatti. 

L'anziana avrebbe subito un tentativo di soffocamento per mano di una persona che conosceva benissimo e con la quale intratteneva rapporti, fino a quel momento, di apparente buon vicinato.

Dietro il violento gesto della vicina di casa, forse, una dipendenza dal gioco d'azzardo che l'avrebbe portata a sottrarre gioielli dalla casa dell'anziana, dove era solita svolgere alcune faccende domestiche. 

A conclusione delle indagini il pm di Trento ipotizza il reato di tentato omicidio, sempre negato dalla donna, oltre a quelli di furto e ricettazione. Nei negozi "Compro oro" della valle i carabinieri hanno trovato gioielli riconducibili alla vittima. Nel frattempo sarebbero emersi altri episodi di furto che la vedrebbero protagonista. Anche in questi casi la refurtiva veniva rivenduta, forse per pagare la dipendenza dal gioco. 
 

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Camion divorato dalle fiamme in A22: autostrada chiusa

  • Una turbolenza chiude la vela del parapendio e lo fa precipitare da 2mila metri: morto

  • "Aiuto, c'è una donna con lenzuolo bianco sulla statale": chiamano il 112 per la Samara challange

  • Il supermercato più conveniente di Trento? Ecco il "calcolatore" online di Altroconsumo

  • Incendio in casa: morta una mamma, grave il suo bambino

  • Tornano all'auto parcheggiata in via Grazioli e ci trovano dentro il ladro

Torna su
TrentoToday è in caricamento