Val Rendena: segnali stradali per i due cuccioli di orso

I cuccioli dell'orsa Daniza sono in val Rendena e stanno bene: a comunicarlo è la forestale provinciale che tiene anche informata la procura. Nei punti in cui è ritenuto più probabile un attraversamento stradale dei due orsacchotti sono stati apposti segnali luminosi

I cuccioli di Daniza stanno bene, continuano a spostarsi, su sentieri già percorsi con la madre, lungo la Val Rendena. Lo comunica il servizio Foreste e Fauna della Provincia, che tiene monitorati gli spostamenti dei orsacchiotti (sono insieme ed uno è munito di radiocollare) anche tramite appostamenti a debita distanza. Sulle strade della Val Rendena, nei punti che sono ritenuti più consoni all'attraversamento dai cuccioli, sono stati apposti specifici segnali luminosi. Della situazione dei due cuccioli è costantemente informata anche la Procura. La Provincia ha anche steso un documento per la futura gestione dei due cuccioli, ora al vaglio delle istituzioni statali competenti. Nel giro di un mese è previsto un tavolo tecnico a Trento con alcuni esperti di livello europeo riguardo alla reintroduzione dell'orso nelle alpi ed alla sua gestione. 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, rientra in Italia senza fare quarantena e dà una festa: focolaio in Trentino

  • Schianto in moto: muore 46enne, gravissima l'amica

  • Viveva in Trentino e aveva circa 20 anni il ragazzo trovato morto su un treno

  • Allerta meteo in Trentino: in arrivo nubifragi e grandine

  • Trovato il corpo senza vita di un giovane sopra al treno proviente da Trento

  • Il pusher scappa, poliziotto ferma un'auto e si fa "accompagnare" ad acciuffarlo

Torna su
TrentoToday è in caricamento