Due fratelli si sfidano con le auto truccate nelle vie di Levico

Corsa clandestina sulla valsugana e nelle vie del paese: inseguiti dai Carabinieri e denunciati

Scene da "Fast and Furiuos" sulla Valsugana e, ancora peggio, tra le vie di Levico sabato sera. Protagonisti due fratelli di 20 e 22 anni che hanno improvvisato una "corsa" clandestina con le loro auto modificate seminando il panico. 

In un attimo la segnalazione è arrivata ai Carabinieri, che si sono messi all'inseguimento delle due auto pirata. Una volta avuta la certezza di aver identificato i due veicoli ed i relativi conducenti i Carabinieri hanno smesso di seguirli perchè nel frattempo si erano resi conto che il fatto di avere una gazzella alle calcagna portava i due a spingere ancor più sull'acceleratore mettendo a rischio gli altri automobilisti ed i pedoni.

I due sono stati rintracciati più tardi, finita la folle corsa. I militari si sono presentati a casa dei due, accolti dal padre che si è detto sconcertato per l'accaduto. Entrambi sono stati denunciati e dovranno giustificare davanti al giudice la loro condotta. Nel frattempo pagheranno sanzioni per svariate centinaia di euro, per violazioni relative al Codice della Strada. 

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

Notizie di oggi

  • Eventi

    Pasquetta nei musei e nei siti archeologici

  • Green

    Api in pericolo a Trento sud. La replica della Fondazione Mach: "Tutto regolare"

  • Cronaca

    La tuta alare non si apre, muore base jumper

  • Cronaca

    Rapina in Lung'Adige: pugni in faccia per uno smartphone

I più letti della settimana

  • Orrore in un capannone di Scurelle: smontavano le bare prima di cremare i corpi

  • Ecco il rarissimo gatto dorato, fotografato dai ricercatori del Muse in Tanzania

  • Bare e cadaveri abbandonati in un capannone in Valsugana: indagano i carabinieri

  • A22: maxitamponamento, 17 feriti ed autostrada bloccata

  • Muore a 19 anni dopo un malore in piscina

  • Dimostrazione a scuola con il cane antidroga, poi i carabinieri fermano un ragazzo

Torna su
TrentoToday è in caricamento