Si tuffa nel lago e sviene: è la "sincope da immersione", recuperato dai Vigili del Fuoco a nuoto

A dare l'allarme sono stati gli amici, che non lo hanno visto riemergere. Intervento al Corno di Bo, spiaggia difficilmente accessibile

Si chiama idrocuzione, altrimenti conoscuta cme "sincope da immersione rapida", il malore che stava per portare via la vita di un dodicenne tedesco, in vacanza sul lago di Garda con la famiglia.

Gli amici che erano con lui lo hanno visto tuffarsi nelle acque del lago alla spiaggia del Corno di Bo per poi non riemergere più. Il ragazzo era svenuto, in acqua. Gli amici, dopo aver realizzato la situazione, hanno chiamato il 112.

Non è stato facile raggiungere la spiaggia del Corno di Bo, accessibile solamente a piedi. Il ragazzo è stato raggiunto via acqua dai Vigili del Fuoco, immobilizzato sulla barella spinale galleggiante e trasferito sul gommone della Polizia di Stato, con a bordo il medico d'urgenza.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

E' stato trasportato fino al porto velico di Torbole, da lì in ambulanza ha raggiunto la piazzola dove nel frattempo era atterrato l'elicottero, ed è stato quindi trasferito a bordo del velivolo verso l'ospedale S. Chiara di Trento. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Trentino prima regione che si "libererà" dal virus. Bordon: "Studio ipotetico, preoccupati dall'onda lunga"

  • Morto dopo essere guarito dal coronavirus: il caso di Lucjan, 28enne della Val di Fassa

  • Mascherine "made in Trentino": 10 aziende riconvertite, analisi dei tamponi grazie all'Università

  • Coronavirus: due fratelli morti a distanza di tre giorni

  • Radersi la barba diminuisce la possibilità di contagio: tutte le bufale sul coronavirus

  • Coronavirus, nuovi casi dimezzati: oggi 45. Morto anche un 28enne che era stato dimesso

Torna su
TrentoToday è in caricamento