Porfido, la denuncia in Consiglio: "Materiale dall'estero e manodopera ridotta"

Nella pausa dei lavori d'aula i consiglieri provinciali hanno incontrato il gruppo Coordinamento Lavoro Porfido, che da anni denuncia – anche con esposti in Procura, di cui si attendono gli esiti – i problemi del 'sistema porfido' in val di Cembra

Nella pausa dei lavori d'aula di oggi, i consiglieri provinciali hanno incontrato il gruppo Coordinamento Lavoro Porfido, che da anni denuncia – anche con esposti in Procura, di cui si attendono gli esiti – i problemi del 'sistema porfido' in valle di Cembra e la, presunta, ampia area di violazione delle regole che lo circonda. Vigilio Valentini e Enzo Sevegnani hanno rilanciato i loro allarmi, a partire dalla considerazione che la recente legge provinciale di riforma, la n. 1 del 2017, non avrebbe affatto intaccato i gravissimi problemi del comparto. Torna anche la segnalazione sull'ampia diffusione di porfido proveniente dall'estero, mentre le aziende concessionarie locali continuano – è stato detto oggi - "a ridurre la manodopera in valle, senza alcuna penalizzazione in termini di durata e vastità delle concessioni assegnate". Il coordinamento giudica "scandalosamente bassi i ritorni alla comunità del business sul porfido, materia prima non rinnovabile, che viene cavata per sempre, con grandi profitti privati e poca ricaduta sulle comunità (i canoni rappresenterebbero appena l'1,8% sul fatturato delle aziende)".    

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • L'orso e il ragazzo, la Provincia: "Il video è vero, comportamento esemplare"

  • Frecce Tricolori sopra Trento: quando vederle

  • Tentano di entrare in Italia illegalmente. l'Austria non li riprende, portati in Questura a Bolzano

  • Aumentano i contagi, 3 decessi. Fugatti: "Riapriremo gli asili l'8 giugno"

  • Asili nido e materne in Trentino riaprono l'8 giugno: la decisione della Giunta

  • Bar troppo affollato: multa da 1.200 euro ai gestori

Torna su
TrentoToday è in caricamento