Piano di accumulo per mandare i figli all'università: adesioni entro il 31 agosto

Fino a fine agosto è possibile aderire al piano di accumulo promosso dalla Provincia, che erogherà un contributo fino al 100% della somma messa dai genitori

I risparmi per mandare i figli all'università "custoditi" in un fondo provinciale, con il contributo dell'ente pubblico: c'è tempo fino al 31 agosto per aderire al Piano di accumulo dell'assessorato all'Università ed alla Ricerca della Provincia di Trento. Le famiglie possono versare la quota prevista dal piano di accumulo, strumento che consente di creare, negli anni immediatamente precedenti all’iscrizione del giovane all'università, un risparmio da utilizzare per far fronte alle spese per il prosieguo degli studi.

La Provincia a sua volta interverrà con un contributo aggiuntivo, che può arrivare fino al raddoppio della cifra risparmiata dalla famiglia. La Provincia erogherà un sostegno integrativo il cui importo è calcolato su base annua: minimo 600 euro all'anno per un periodo di accumulo di 5 anni, che diventano 750 per 4 anni o 1000 per 3 anni; lo stesso dicasi per il versamento massimo, rispettivamente di 1200, 1500 o 2000 euro. I criteri di accesso al fondo sono disponibili sul sito della Provincia autonoma di Trento, clicca qui...   

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Bancomat fatto esplodere nella notte: spariti 40mila euro e gravi danni al palazzo

  • Le sardine riempiono piazza Duomo a Trento

  • "Dammi i soldi o ti ammazzo": preso il rapinatore e la moglie complice

  • Ritrova la sorella dopo 50 anni: la storia di Luca

  • Diciottenne blocca il bus e prende il vetro a testate, poi aggredisce autista ed agenti

  • Lupi sulla Marzola, i forestali confermano

Torna su
TrentoToday è in caricamento