Mobilità: incentivi ad imprese e professionisti per l'acquisto di mezzi elettrici

Possono beneficiare dei contributi anche i privati che svolgono attività economica e professionale e le imprese agricole. Le domande possono già essere presentate

Altri incentivi per imprenditori, anche agricoli, e per professionisti. Questo uno degli ultimi provvedimenti adottati dalla Giunta provinciale uscente con il 'Piano provinciale della mobilità elettrica', che ha così completato il quadro degli interventi previsti per la mobilità elettrica, attraverso gli incentivi all'acquisto di veicoli elettrici, o ibridi plug-in, e di sistemi di ricarica. Ora infatti possono beneficiare dei contributi anche i privati che svolgono attività economica e professionale e le imprese agricole. Le domande possono già essere presentate.  Possono quindi accedere alle agevolazioni anche le persone fisiche che svolgono anche attività imprenditoriale o professionale, i professionisti per beni da utilizzare nell'ambito dell'attività professionale, gli enti privati che svolgono anche attività economica, le imprese agricole (se escluse dalla disciplina della compensazione fiscale).

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Il contributo si riceverà per l’acquisto di autoveicoli elettrici (con contributo di 4.000 euro a cui si aggiungono 2.000 euro di sconto da parte dei concessionari convenzionati, per ogni mezzo) e  autoveicoli ibridi plug-in (con contributo di 2.000 a cui si aggiungono 2.000 euro di sconto dei concessionari per ogni mezzo) di prima immatricolazione o nuovi; l'acquisto dovrà essere fatto presso concessionari convenzionati, e la domanda di contributo potrà essere presentata tramite gli stessi. Potranno essere acquistati anche motoveicoli elettrici di prima immatricolazione o nuovi (con contributo di 1.500 euro e comunque non superiore al 50% della spesa ammissibile), stazioni di ricarica per veicoli elettrici o ibridi (nel limite di 5 stazioni per ciascun richiedente, per una spesa massima ammissibile di 1.500 euro l'una e con un contributo del 60%) e stazioni di ricarica per e-bike, dotate di multipresa di tipo SHUKO (nel limite di 1 stazione per ciascun richiedente, per una spesa massima ammissibile di 500 euro l'una e un contributo del 60%). Il contributo viene concesso in regime di de minimis (15 mila euro in tre anni per le imprese agricole e 200mila in tre anni per gli altri soggetti).

Per muoverti con i mezzi pubblici nella città di Trento usa la nostra Partner App gratuita !

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • L'orso e il ragazzo, la Provincia: "Il video è vero, comportamento esemplare"

  • Aumentano i contagi, 3 decessi. Fugatti: "Riapriremo gli asili l'8 giugno"

  • Asili nido e materne in Trentino riaprono l'8 giugno: la decisione della Giunta

  • Bar troppo affollato: multa da 1.200 euro ai gestori

  • Terribile schianto sulla tangenziale di Lavis: due feriti gravi

  • Incidente in A22, tamponamento tra due camion: soccorsi sul posto e traffico in tilt

Torna su
TrentoToday è in caricamento