Colpisce il funzionario Siae con un mestolo: è resistenza a pubblico ufficiale

Le accuse comprendevano anche oltraggio e lesioni ma è stato condannato per resistenza a pubblico ufficiale il volontario del comitato di Isera per la "mestolata" data al funzionario Siae durante il carnevale 2012 dopo la multa di 1000 euro per la musica diffusa dalle casse

E' stato condannato per resistenza a pubblico ufficiale uno dei volontari del comitato carnevalesco di Isera. La condanna (pena 4 mesi poi sospesa) è arrivata a due anni di distanza dal fatto: durante la maccheronata del carnevale 2012 il volontario, secondo l'ipotesi accusatoria confermata dal giudice, avrebbe colpito con un mestolo il funzionario Siae che aveva comminato agli organizzatori della tradizionale festa una multa da mille euro per la musica diffusa abusivamente dall'impianto. Inizialmente le accuse comprendevano anche oltraggio a pubblico ufficiale (il funzionario infatti ricopriva in quel momento tale ruolo così come, ad esempio, i controllori dei biglietti sui treni) e lesioni.

Secondo quanto ricostruito in aula il funzionario era nascosto in auto quando ha sentito la musica provenire dalla festa, ha quindi raggiunto gli organizzatori, per notificare la multa, accettata a malincuore dal presidente del comitato. Uno dei volontari, ora condannato, ha però pensato di vendicarsi con un colpo di mestolo nelle parti intime al solerte funzionario. L'avvocato della difesa ha già annunciato il ricorso in appello. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Casting per un film in Trentino: cercansi comparse dall'aspetto nordico

  • A Bolzano tornano i voli di linea: Roma, Sicilia, Vienna

  • Si schianta con gli sci a Madonna di Campiglio: non ce l'ha fatta Cristina Cesari

  • Campiglio, drammatico incidente sugli sci: gravissima una ragazza di 25 anni

  • Fermato perché ha i pedali rotti, in auto nasconde 400mila euro di coca: arrestato

  • Ragazza aggrappata al parapetto, in piedi in mezzo al ponte Mostizzolo: il salvataggio

Torna su
TrentoToday è in caricamento