Soldi da industrie farmaceutiche ai medici, Codacons chiede verifica alla Finanza

Istanza alla Guardia di Finanza e alle Asl territoriali per "verificare se i soldi percepiti dai medici del Trentino Alto Adige per convegni o altre attività legate all’industria del farmaco siano stati regolarmente denunciati ai fini fiscali"

Dopo aver diffuso l’elenco dei medici della regione che tra il 2015 e il 2017 hanno ricevuto finanziamenti dalle multinazionali del farmaco, il Codacons Trentino Alto Adige annuncia che presenterà una istanza alla Guardia di Finanza e alle Asl territoriali per "verificare se i soldi percepiti dai medici del Trentino Alto Adige per convegni o altre attività legate all’industria del farmaco siano stati regolarmente denunciati ai fini fiscali", spiega una nota.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

"Alle Asl invece chiediamo di controllare la lista dei farmaci prescritti dai singoli medici inseriti nell’elenco, allo scopo di accertare se vi siano eventuali squilibri nelle prescrizioni in favore dei prodotti commercializzati dalle aziende finanziatrici", prosegue l'associazione consumatori. Che intende rispedire al mittente l’accusa dei medici di voler avviare una caccia alle streghe, perché - si legge ancora nella nota - "il nostro scopo è solo quello di garantire piena trasparenza ai cittadini. Farebbero bene i camici bianchi e gli Ordini e le federazioni che li rappresentano ad appoggiare la nostra iniziativa, senza chiudersi in una difesa corporativa della categoria che di certo non avvantaggia gli utenti del servizio sanitario", si afferma ancora nella nota del Codacons.
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Ecco i divieti che rimangono anche dopo il 3 giugno

  • Mamma muore a 40 anni dopo un malore: cordoglio a Mezzocorona

  • Riapertura asili e materne con massimo di dieci bambini per sezione. Cgil: "Rimangono perplessità"

  • Bambino rischia il soffocamento per una ciliegia, la madre conosce la manovra e lo salva

  • Incidente mortale a Bedollo: morto a 21 anni Tommaso Mattivi

  • Ladro perde il mazzo di chiavi: i carabinieri aprono la porta di casa e lo denunciano

Torna su
TrentoToday è in caricamento